Sezione recensioni
recensioni09/06/2009A cura di: Lilou
The Daylights
Sans Radio - Shift and Blur
athe-daylights-sans-radio-150x150.jpg

Tracklist

  • 1. “Sans Radio” :
  • 2. Little White Lies
  • 3. Guess I Miss(ed) You
  • 4. Probably
  • 5. Slow Down
    “Shift and Blur”:
  • 6. Outsider
  • 7. If Words Were Bullets
  • 8. Boy on the Moon
  • 9. Little Girl
  • 10. Typical
  • 11. Happy
  • 12. She'll Never Tell
  • 13. You Know Who You Are

Genere

Rock

Etichetta

Epic Records

Voto

8/10
Siccome il loro LP non è ancora uscito com’era nelle previsioni e non vi è ancora data certa vi parlo del gruppo e dei loro due EP già usciti, visto che ci saranno più o meno gli stessi pezzi.
Ho scoperto i “The Daylights” più o meno un anno fa grazie a quell’enorme contenitore di musica underground e non che è myspace, un mezzo indispensabile per chi come me è tormentato dal bisogno di musica sempre nuova.
I “The Daylights” sono un gruppo indi-rock dalle musicalità gentili e orecchiabili, di quelle che una volta entrate in circolo non puoi più levartele dalla testa. I pezzi sono per lo più lenti e romantici, ogni tanto quasi troppo pop, ma sempre suonati con energia e vigore.
La voce del cantante Ran Jackson è penetrante, sexy, ci avvolge e ci accompagna per mano in testi facili ma non sempre scontati. Gli altri due componenti della band di Los Angeles sono il fratello Ricky Jackson e il batterista Svend Lerche. In tre suonano tutti gli strumenti presenti nei pezzi registrati in studio.

In Europa non si sente ancora parlare di loro, anche perché i concerti, sempre sold out, li hanno fatti solo in America. La rampa di lancio l’hanno trovata facendo da gruppo spalla ai “Onerepublic”... e credo che gli abbiano anche facilmente rubato la scena.

Un gioiellino, purtroppo non ancora inserito nei loro due EP, è sicuramente “Terra firma”, da ascoltare, ascoltare e riascoltare. Ha una forza che coinvolge, che prende lo stomaco e ci costringe a cantare. Bella “Little white lies” che ricorda lontanamente “Glourious” di Andreas Johnson, molto belle anche “Guest I missed you” e “Outsider”.
Gli EP sono acquistabili tramite internet, trovate informazioni e potete ascoltare i pezzi sul loro sito o sul sito myspace che ho segnalato a inizio pagina.
Se vi piace questo gruppo ve ne indico velocemente alti due, trovati sempre su myspace: il primo è un gruppo francese chiamato “Arter”, il secondo è un gruppo di New York chiamato “Your Vegas”.