Sezione Libri e DVD
Rob Zombie - Le Streghe Di Salem

Voto

8 su 10
a2013_09_28_12_12_09_2013_04_16_02_39_14_lordssalemcover.jpg

Dimenticate la violenza esagerata e disperata de “La Casa dei mille corpi” (House Of 1000 Corpses), “La casa del diavolo” (The Devil's Rejects) o del remake di “Halloween” che hanno dato a Rob Zombie la credibilità di regista eccentrico negli ultimi dieci anni. Con “Le Streghe di Salem” (titolo originale “The Lords of Salem”) siamo su un tracciato personale ed artistico completamente diverso: Zombie si cimenta in una trasposizione cinematografica impegnata ed incentrata sulla crescita di un pathos tangibile ma quasi mai palesemente visibile. La lotta eterna tra bene e male si insinua nella mente dello spettatore che perde la giusta cognizione di causa nelle due ore di proiezione.

 

Prendete un tema famoso come quello del processo delle streghe di Salem del 1692 e conditelo con allucinazioni cotte a puntino da flashback di messe nere che rivivono nel presente per appianare la strada del ritorno del male in gran stile. La protagonista Heidi, interpretata dall’onnipresente Sheri Moon Zombie, è una famosa dj di una radio locale che si vede recapitare un disco che diventerà ben presto la sua persecuzione: ascoltandolo Heidi rivive l’agonia del supplizio delle streghe di Salem che l’hanno scelta per tornare e per proseguire la stirpe.

 

Personalmente credo che questo film rappresenti una significativa frattura con la filmografia precedente del cantante americano: Zombie ammette di aver studiato il cinema italiano degli anni '70 da Bava a Fulci e di essersi impegnato per produrre un film che non fosse semplicemente un horror ma che incutesse un timore ben più profondo nello spettatore.  Se del cinema horror ormai si è visto tutto e nulla di nuovo sembra apparire al fronte, “Le Streghe di Salem” uniscono blasfemo e reale,  sacro e profano con  grande maestria senza mai sconfinare nel trash se non in alcune parti del finale in cui Zombie cede alla mania di celebrazione come in una fotografia di LaChapelle  (la versione del piccolo Satana o della Sheri Moon che cavalca il caprone satanico lo avrei tranquillamente evitato).

 

Decisamente azzeccata la colonna sonora composta in parte dal chitarrista John 5 in cui compaiono brani celebri dei The Velvet Underground e passaggi classici significativi come “Lords hear us” o il “Requiem” di Mozart che celebrano l’incontro con il dio delle tenebre e la futura genitrice.

 

 

Titolo originale: The Lords of Salem

Uscita Italia: 24 aprile 2013

Distributore Italia: Notorius Pictures

·          Interpreti: Sheri Moon: Heidi Hawthorne

·         Bruce Davison: Francis Matthias

·         Jeff Daniel Phillips: Herman Whitey Salvador

·         Judy Geeson: Lacy Doyle

·         Ken Foree: Herman Jackson

·         Patricia Quinn: Megan

·         Dee Wallace: Sonny

·         Meg Foster: Margaret Morgan

·         Maria Conchita Alonso: Alice Matthias

·         Richard Fancy: AJ Kennedy

·         Andrew Prine: Reverendo Jonathan Hawthorne

·         Michael Berryman: Virgil Magnus

·         Sid Haig: Dean Magnus

·         Lisa Marie: Priscilla Reed

·         Torsten Voges: Gorgann

·         Roger W. Morrissey: Satan

Tag in questo articolo

dea ortolani,the lords of salem,le streghe di salem,rob zombie