Sezione interviste
Ida Elena - Bare Infinity
a2015_05_10_11_58_49_10961693_10206124607980041_1597519359_n.jpg

Ida Elena De Razza, conosciuta come Ida Elena, figlia d'arte  e nuova voce dei Bare Infinity.

Benvenuta su Alone Music!

Ida Elena: Grazie a voi e in particolare a te, Vanessa!

 

Partiamo dalle tue origini: oltre ad essere conosciuta per i tuoi progetti musicali passati e presenti, per le tue collaborazioni con artisti illustri (Gaby Koss tanto per citare un nome) sei anche conosciuta per essere la figlia di una celebre insegnante di recitazione, attrice e regista che è Fioretta Mari. Come tu stessa affermi il tuo percorso artistico parte proprio dall'ambiente teatrale. Cosa ti ha spinta a passare dall'aspirazione di attrice a quella di cantante?

Ida Elena: Ho sempre amato cantare, sin da piccola (come dico sempre, mio padre mi registrava con il mangianastri quando cantavo le canzoni dei cartoni animati: le sapevo tutte! La mia preferita era la sigla di Sailor Moon).
Ad ogni modo, tutti in famiglia hanno sempre fatto gli attori e quindi sono sempre stata circondata dal teatro: già quando avevo tre anni mi facevano stare nei camerini o dietro le quinte! Ed io giocavo a truccare i reggiparrucca o imparavo a memoria le battute degli spettacolo (ad esempio, ricordo quasi tutto lo script de Il berretto a sonagli di Pirandello).
Vien da sè, dunque, che il teatro mi chiamava! Ho studiato recitazione, dizione e tecniche musical per otto anni (due accademie, quindi!) e in tutti questi otto anni la mia insegnante è stata mia madre! Con le grandi famiglie di attori da generazioni ci si tramanda "il mestiere" ed anche io ho fatto così (inoltre chi andrebbe a spendere un sacco di soldi in altre accademie quando hai la migliore in casa?).
Un giorno ricevo una telefonata dall'allora mia agente che mi chiede se voglio partecipare a I raccomandati su Raiuno (2004) come Raccomandata di Ramona Badescu (che mi conosceva da piccola perchè studiava con mia mamma) io dissi "volentieri, ma non ho mai cantato in pubblico nè in televisione!".
Andai, terrorizzata! Mio padre era con me, per darmi supporto morale. Andò benissimo! Ancora oggi quando guardo la registrazione mi stupisco di essere stata così sciolta e serena a 19 anni: non succede tutti i giorni di cantare in prima serata sulla tv nazionale, seguita da milioni di persone... soprattutto come prima esperienza! Non ho vinto, ma quel giorno ha segnato per sempre il mio futuro. L'emozione che ho provato cantando non l'avevo mai provata prima e una cosa del genere non si può ignorare.

 

Per qualche tempo hai fatto parte anche del progetto di Gaby Koss, ex soprano degli Haggard, dal nome “Cantus Lunaris” insieme ad artisti rigorosamente scelti dallo stesso soprano, artisti di spicco come Albert Dannenmann (ex membro dei Blackmore's Night) e la giovanissima e bravissima arpista Elisa Nicotra. Come hai conosciuto Gaby?

Ida Elena: Ho conosciuto Gaby Koss perchè ascoltando la sua voce nei pezzi degli Haggard, ma soprattutto ascoltando le sue esibizioni soliste dove davvero metteva in mostra le sue capacità, ho pensato "è perfetta per il mio brano!" Avevo scritto un brano, Awakening, che sentivo non essere completo senza una voce lirica che cantasse nel climax della canzone, così le ho scritto e le ho chiesto se fosse interessata. Lei mi ha risposto di sì e mi ha detto che voleva conoscermi di persona e mi ha chiesto di andarla a trovare a Monaco! Io ho detto, certo! Nel frattempo lei aveva avuto modo di ascoltare il mio brano "the Ballad of the silver dressed lady" in cui collaborava il mio grande amico di sempre Albert Dannenmann e mi chiese se fosse disponibile a suonare nel suo progetto "Cantus Lunaris" e io le dissi che gli avrebbe fatto piacere essere contattato da una grande artista come lei.
Così quando arrivai a Monaco, Albert era lì anche lui! Oltre alla collaborazione su Awakening Gaby mi chiese se volessi anche io fare parte dei Cantus Lunaris ed io accettai.
Sfortunatamente dopo due anni di grandissime soddisfazioni e festival tra i più importanti della Germania (tra cui il Wave gotik Treffen di Lipsia nel 2013), le nostre strade si sono divise a Dicembre scorso. Auguro comunque a Gaby e ai nuovi musicisti un cammino costellato di grandi successi.
Con Elisa Nicotra invece, dopo il suo trasferimento in Francia, abbia fondato un trio insieme al percussionista Luca Paparatti, che propone musica tradizionale soprattutto Italiana e Siciliana, da qui il nome Trinakria.
Ci potrete sentire nel nostro tour estivo a sud ovest della Francia, ecco le date:

- 30 juin : Saint-Aubin de Médoc - 3 juillet : Café le Baryton - Lanton (Gironde)
- 4 juillet : Maine Charles (Charentes)
- 5 juillet : Festival médiéval de Dignac (Charentes)
- 6 juillet : maison de retraite de Dignac.

 

A proposito di Albert Dannenmann, dopo aver lasciato i Cantus Lunaris, siete rimasti in contatto e formato un nuovo complesso sempre sullo stile del progetto precedente con Gaby?

Ida Elena: Io ed Albert siamo amici da ormai vecchia data, ci conosciamo dal 2009, da quando cioè andai a vedere il mio primo concerto dei Blackmore's Night a Brescia! Il nostro sodalizio vero e proprio nasce quando scrissi The Ballad of the silver dressed lady, un brano che mi sembrava scritto apposta per lui!
Non sapevo come farglielo avere, non avevo una sua e-mail, così sull'onda della follia e seguita dai miei migliori amici e dal mio compagno, decisi di partire per la Germania e di proporre ad Albert il pezzo che avevo scritto! (2010)
Andammo ai concerti di Klaffenbach e Merseburg e in quest'ultima, Albert e gli altri musicisti dei Blackmore's Night, (tranne Ritchie e Candice che avevano i bambini piccoli) ci proposero di seguirli per una session post-concerto a El greco Pub. Che esperienza! Ovviamente Albert accettò di suonare il brano e ci credette così tanto che venne gratuitamente anche a girare il video a Calcata, paese medievale nei pressi di Roma.
Ancora adesso lo racconta a tutti i nostri concerti e lo faceva anche ad ogni concerto dei Cantus Lunaris!
Il nostro nuovo progetto è un duo di musica folk/world music e celtica "Fairy dream" che nasce come spin-off del walking act solista di Albert. Siamo come dei menestrelli che portano, citando Albert "la magia della musica a e tra la gente".
I nostri prossimi live ufficiali sono:

Sagenfest in Kammerstein (1-3 Maggio)

Herrenmühle Adelberg (23 Maggio)

Festival Fantasia (25-26 Luglio)

Per chi vuole farsi una belle gita Teutonica, vi aspettiamo!

 

Dopo vari progetti musicali tra i quali i Cantus Lunaris, Dark Side of Venus e tanti altri alla fine sei stata scelta scelta come nuova voce femminile nei Bare Infinity con i quali stai anche incidendo un album ed hai realizzato un videoclip. Avete concerti in programma?

Ida Elena: Essere entrata nei Bare Infinity ha costituito una grande svolta per me, perchè finalmente mi sarei messa in gioco come cantante ma soprattutto come autrice dei brani all'interno di una band con tutto un suo seguito già all'attivo e una storia notevole (tra cui il contratto con la Nuclear Blast o il tour Finlandese).
Il lavoro che facciamo con Tomas (fondatore, chitarrista, compositore, leader e la lista è ancora lunga) e con gli altri ragazzi è un lavoro fortemente di gruppo e questa cosa mi spinge a dare il massimo nella fase compositiva ed autoriale.
Dopo tutta la fase di assestamento (in fin dei conti sono entrata nella band dopo che questa si era sciolta per due anni) siamo pronti a scendere nuovamente in campo e, dopo la soddisfazione del successo di Race of Destiny e le quasi 20 000 visualizzazioni in poco più di tre mesi, parteciperemo al "Voices of the mist festival" ad Atene il 25 Aprile insieme a Meden Agan ed Elysion.
Rumors dicono che ci saranno degli scenari pirotecnici sul palco e che si presenterà un'elfetta dei boschi Italiani... ma non ditelo in giro!
Inoltre, per la fine dell'anno, saremo pronti per il release della nostra prima fatica discografica insieme! Wait and see

 

Ritorniamo a parlare, per concludere, della tua seconda passione: il teatro. Hai spettacoli in programma? Girano voci che collaborerai con Fioretta Mari ad un progetto teatrale. Di cosa si tratta nello specifico?

Ida Elena: Quando mia madre mi ha proposto di fare uno spettacolo con lei sono stata colta da un misto di panico ed orgoglio! Non avevo mai recitato insieme a lei e un pò devo dire che ero timorosa, in fin dei conti mia madre è, e non solo secondo me, una delle più grandi attrici Italiane contemporanee.
Lo spettacolo racconta la vita artistica di mia mamma attraverso canzoni, poesie, video di spettacoli e show televisivi che hanno segnato la sua carriera.
Voi direte, che c'entravi tu?
Lo spettacolo si intitola F-f femmine fortissime dove F- f sta per Fioretta e Figlia.
Durante lo spettacolo, che si è tenuto alla casa Matteo Salvatore di Apricena a Marzo scorso, mia madre ha spiegato il perchè della mia presenza sul palco con lei, dicendo così "non ho mai voluto spingerla nè aiutarla e lei non ha mai chiesto a me di farlo, ma mia figlia è la tredicesima generazione di una famiglia che ha sempre fatto questo mestiere ed ora, che ha formato la sua carriera anche lei con i suoi progetti all'estero, è giusto che la tradizione vada avanti".
Ho dovuto rifare tutto il trucco!
Lo spettacolo è in fase di allestimento e contiamo di fare una tournée italiana molto presto. Per adesso, posso solo dire che il mio orgoglio è alle stelle!


Grazie Ida Elena per essere stata con noi da parte dello staff di Alone Music. A presto!

Ida Elena: Grazie a te e a voi per la bella intervista! Ciao and... stay metal \m/