Sezione recensioni
recensioni28/02/2016A cura di: Serena
Delvoid
Serene
a2016_02_28_02_11_54_c16220cf-13bf-40cc-b1dd-80e5dd8841cc.jpg

Tracklist

  • 1. Intro
  • 2. Cocoon
  • 3. Steambreather
  • 4. Transient
  • 5. Diffused
  • 6. Dissembler
  • 7. Tribe
  • 8. Carrier
  • 9. Serene
  • 10. Outro

Genere

Metal

Etichetta

Autoprodotto

Voto

9 su 10

I Delvoid sono un gruppo norvegese nato nel 2008, con all’attivo due album, Delve (2011) e Serene, di cui parleremo in maniera approfondita in questa recensione, senza contare numerosi progetti paralleli che comprendono l’arrangiamento della colonna sonora di un film e patnership con l’Orchestra Filarmonica di Oslo.

 

I Delvoid sono un gruppo che non lascia nulla al caso: ogni nota di basso, ogni vuoto sospeso nelle loro canzoni contribuisce a creare un’atmosfera di profonda incertezza in questo album post-rock. Riferimenti ai Tool sono presenti diffusamente in tutti i brani, e spesso si possono notare analogie nella voce del cantante Alexander Delver, ma come detto precedentemente, non è facile ridurre Serene a un mero copia e incolla di genere, poiché dietro la struttura dell’album si nascono dinamiche caotiche e sogni ipnotici. Come non trovare un punto di rottura fra Cocoon e Steambreather? Come poter descrivere i cambi di tempo, il crescendo di melodia, i momenti sospesi nei loop di chitarra in semplici parole?

 

Serene è un album complesso, in cui le diverse anime dei Delvoid si mescolano ininterrottamente, brano per brano. Un album da ascoltare in una sera d’inverno, mentre il sole tramonta, in un posto sperduto nel nulla, silenzioso e catartico. Un album meditativo ed emozionale.