Sezione recensioni
recensioni21/12/2015A cura di: Serena
The Carburetors
Laughing In The Face Of Death
a2015_12_21_02_50_00_CARBURETORS Laughing in the Face of Death.jpg

Tracklist

  • 1. Hellfire
  • 2. Lords of Thunder
  • 3. Don't Touch the Flame
  • 4. Water into Wine
  • 5. Blood for Blood
  • 6. The Undertaker
  • 7. The Wolves are gonna Howl Tonight
  • 8. Bullet
  • 9. Days of Metal
  • 10. Shot Full of Noise
  • 11. (Tonight we're gonna) Die like Heroes

Genere

Rock

Etichetta

Spv/Steamhammer

Voto

7,5 su 10

Giacche di pelle, fiamme on stage e rock’n’roll: sono le caratteristiche che contraddistinguono i quindici anni di attività dei norvegesi The Carburetors, che si presentano con il loro Laughing in the Face of Death sotto la SPV/Steamhammer.

 

Il sound dei The Carburetors è rovente e squisitamente rock’n’roll. La lead line del vocalist Eddie Guz ha un certa sfumatura alla Motörhead, ma essenzialmente si presenta brillante ed unica. Esiste una certa omogeneità nella struttura dell’album, un quid che lega i vari brani, uno dopo l’altro. La sensazione generale, fra riff orecchiabili e stop della batteria, le veloci giravolte che a volte strizzano l’occhio al country rock, a volte danno quel tocco rockabilly in più, è di partecipare a uno di quei contest di ballo acrobatico tanto appassionante da farti battere mani e piedi a tempo con la musica. Questo non significa prendere troppo alla leggera l’album dal coraggioso e goliardico nome: Laughing in the Face of Death è ricco di arroganza tipica dei veri rockers, ma allo stesso tempo è vivo, ruvido e coinvolgente.