Sezione recensioni
recensioni03/12/2015A cura di: Vanessa Galati
Girlschool
Guilty As Sin
a2015_12_03_04_09_20_GSguilty.jpg

Tracklist

  • 1. Come The Revolution
  • 2. Take it Like a Band
  • 3. Guilty As Sin
  • 4. Treasure
  • 5. Awkard Position
  • 6. Staying Alive
  • 7. Perfect Storm
  • 8. Painfull
  • 9. Night Before
  • 10. Everybody Loves (Saturday Night)

Genere

Rock

Etichetta

UDR Music

Voto

9,5 su 10

Le avevamo lasciate con Hit and Run - Revisited ma il trio femminile britannico più famoso nella storia del rock è tornato con un full - length tutto nuovo.Le quattro ragazze (ma anche ragazzine) cattive aprono il loro ultimo lavoro con i due brani, che potrebbero rientrare tra i pilastri dell'intera discografia che collezionano da trent'anni a questa parte: Come The Revolution e Take it Like a Band aprono trionfalmente.

 

La struttura dei brani non è mutata: brani di pochi minuti, semplici ritornelli ma molto melodici, frasi cantante in coro; si potrebbe dire che è diventata una loro regola, anche per distinguersi e farsi riconoscere subito.Dopo le prime due tracce si prosegue con Guilty As Sin che dà anche il titolo all'album, un'altra traccia molto importante dove si riscoprono, maggiormente qui che negli altri brani che compongono l'album, le vesti che da sempre, le quattro ragazze, capitanate da Kim McAuliffe, ricoprono.

 

Proseguendo, nella parte centrale dell'album, si scopre il lato meno aggressivo delle Girlschool, grazie a brani come Treasure; per riscatenarsi, infine, al ritmo delle tracce finali di Night Before ed Everybody Loves (Saturday Night), nella quale, in quest'ultima, il solo titolo costituisce quasi il testo del brano per intero.La decisione di inserire Stayin Alive, cover anni 70 dei Bee Gees non è stata una scelta proprio azzeccata: un trio così carico e pepato come il loro avrebbe certamente reso di più le propria capacità proponendo brani più accattivanti.

Avremo da aspettarci ancora tantissime sorprese da Kim e dalle altre!