Sezione recensioni
recensioni28/04/2015A cura di: Vanessa Galati
Sirenia
The Seventh Life Path
a2015_04_28_11_02_01_584_Sirenia_RGB.jpg

Tracklist

  • 1. Seti
  • 2. Serpent
  • 3. Once My Light
  • 4. Elixir
  • 5. Sons Of The North
  • 6. Earendel
  • 7. Concealed Disdain
  • 8. Insania
  • 9. Contemptuous Quietus
  • 10. The Silver Eye
  • 11. Tragedienne

Genere

Metal

Etichetta

Napalm Records

Voto

10 su 10

I Sirenia si ripresentano con il loro ultimo capolavoro dal titolo The seventh life path riconfermando l'eccezionale bravura che stanno dimostrando sin dalla loro formazione, da quel lontano 2002 a Stavanger, anno in cui il fondatore Morten Veland, allontanatosi dai Tristania, decide di dar vita a questo nuovo progetto gothic/symphonic metal che da quel momento in poi non conoscerà mai declino.

 

L'impronta di Morten si fa sempre sentire in ogni album dei Sirenia, così come accadeva nei Tristania con Vibeke Stene, un'impronta talmente particolare che si rende riconoscibile al pubblico.

Le voci femminili che si sono susseguite nei Sirenia sono state varie ma Aylin Gimenez, la cantante spagnola, è ancora oggi presente dal 2008, anno del suo ingresso nel mondo del metal.

Questo full – length rappresenta la maturazione sia della band, che era partita inizialmente come gothic/doom metal, trasformandosi successivamente in un progetto symphonic metal a tutti gli effetti,senza, però, abbandonare la scia gothic; un'altra cosa importante che si nota, e che fa molto piacere, è la maturità vocale di Aylin, la quale ai tempi di The 13th Floor, album del suo esordio, non aveva ancora la padronanza della tecnica come oggi seppur sempre molto brava.

 

 

Le tracce sono tutte fantastiche, tutte con la giusta dose di gothic/symphonic e tutte mostrano quell'impronta di Morten inconfondibile che si trova in tutti suoi brani. Inoltre, come accadeva nei primi album dei Tristania nei quali Veland era ancora presente, ricorrono i cori gregoriani all'interno dei brani, i quali ne aumentano notevolmente e ulteriormente la carica gotica.

Morten Veland rimane un compositore eccellente, un artista a tutti gli effetti e Aylin riconferma ogni anno la sua bravura vocale e i relativi miglioramenti.