Sezione recensioni
recensioni25/04/2015A cura di: Serena
Demonical
Black Flesh Redemption
a2015_04_25_12_41_06_Final cover.jpg

Tracklist

  • 1. Cursed Liberation
  • 2. Drown in Flames
  • 3. Throne of Perdition
  • 4. To Become the Weapon

Genere

Metal

Etichetta

Agonia Records

Voto

8 su 10

Non serviva un EP come Black Flesh Redemption per assegnare una posizione di ‘Death Metal Swedish Gods’ ai Demonical. Sulla scia della loro produzione discografica (che conta ben già quattro lavori, fra album ed EP) i nostri escono con una lista un po’ resegata di brand new material: quattro tracce di puro stile death thrash per non interrompere la linea positiva iniziata nel 2007.

 

In Black Flesh Redemption troviamo i cambi di tempo del doppio, il growl profondo ed inquietante, le pennate taglienti delle chitarre. I Demonical dimostrano di non essersi fermati nella loro evoluzione in questi ultimi anni, dando prova di grande feeling fra i musicisti e compattezza nella composizione. Non per ultimo, occorre citare l’ottimo lavoro di produzione, curato nei minimi particolari dal vocalist della band Sverker Widgren, che ha saputo avere occhio per il mixaggio delle diverse linee: tutti gli strumenti sono ben percepibili e al volume che meritano di ricoprire nell’intero insieme dei brani.

 

Si sa che gli svedesi c’hanno gusto per il death metal vecchia scuola (vogliamo ricordare una delle band che amo di più, gli Hypocrisy?), pertanto sapevo già di non rimanere delusa da questo Black Flesh Redemption. I Demonical, insomma, non sono stati una sorpresa, piuttosto una prova che – ragazzi, nel Nord Europa lo fanno meglio.