Sezione recensioni
recensioni20/04/2015A cura di: Serena
Kyle Gass Band
Kyle Gass Band
a2015_04_20_09_26_44_KYLE GASS BAND gross.jpg

Tracklist

  • 1. Manchild
  • 2. Dying Day
  • 3. Bro Ho
  • 4. Our Job to Rock
  • 5. Tremendous
  • 6. Ram Damn Bunctious
  • 7. Questionable
  • 8. Getting the Band Back Together
  • 9. Road Chops
  • 10. Gypsy Roll

Genere

Rock

Etichetta

Steamhammer / SPV

Voto

8 su 10

 

Mi mette un po’ a disagio cambiare genere, ma qualche volta capita, quando la necessità di recensire nuove uscite importanti. Oggi mi inoltro in un album rock con influenze country, quel genere tanto caro all’americano medio che a me, personalmente fa un po’ sorridere ma che so che gode di un’ottima fama, anche nella nostra amata terra.

 

Parliamo infatti di una band americana, la Kyle Gass Band. La formazione prende il nome dal carismatico leader, Kyle Gass, nientepopodimenoche il secondo membro della famosa formazione rock Tenacious D, dove milita Jack Black (non ditemi che non ne avete mai sentito parlare…Lo avete visto School of Rock?). Nonostante i numerosi impegni insieme ai Tenacious D e alla sua attività di attore e doppiatore, Kyle Gass ha deciso di intraprendere una nuova esperienza musicale, fondando i Kyle Gass Band e mettendo alle stampe il loro primo album selftitled.

 

L’album in questione denota l’elevato livello della band: i 10 brani che lo compongono sono abbastanza vari da rendere l’intero album apprezzabile fin dal primo ascolto, mentre il filo comune del rock leggermente hard, a volte più morbido e giocoso e sicuramente con forti venature country riesce a renderlo un buon esordio. Tutta l’impalcatura rock è sostenuta dalla voce trainante di Mike Bray, limpida chiara e con un timbro leggero e graffiante che segue bene la linea compositiva della band, per non dire che la sovrasta.

 

Altro non saprei dire di questo album: ve l’ho detto che non è il mio genere. C’è da dire però che ha fatto subito un’ottima impressione alle mie orecchie. Credo che lo farà anche alle vostre.