Sezione recensioni
recensioni27/03/2015A cura di: Vanessa Galati
Cruenta Lacrymis
Sweetness And Blasphemy
a2015_03_27_03_12_37_CRUENTA LACRYMIS - Sweetness And Blasphemy - cover.jpg

Tracklist

  • 1. The era of Cruenta Lacrymis
  • 2. The steersman's course
  • 3. Mother of sigh
  • 4. Burning spirit
  • 5. Sicarius
  • 6. The ghost of the jew
  • 7. Downward
  • 8. Circle of damnation
  • 9. Bloody revenge
  • 10. Luxury
  • 11. False history
  • 12. Sound of soul

Genere

Metal

Etichetta

Metal Scrap Records

Voto

9,5 su 10

E fu così che in Italia sbarcò una band symphonic black metal che si rifà ai nomi importanti del genere come Dimmu Borgir ma con una differenza, la voce growl è di Elena, una ragazza, ispirandosi agli Arch Enemy.

Ed eccoli con il loro full – length di debutto dal titolo Sweetness and Blasphemy, rigorosamente black metal con influenze gothic.

 

 

L'album è diviso in due parti: la prima è chiamata sweetness side e la seconda blasphemy side.

La blasphemy side comincia dal brano che segue all'intro strumentale e termina con la sesta traccia The ghost of the jew, mentre la sweetness side inizia dalla settima traccia Downward arrivando all'ultimo brano.

Già all'apertura dell'album troviamo un epico pezzo strumentale, orchestrale dal titolo The era of Cruenta Lacrymis, non poteva esserci modo migliore di aprire un full – length come questo.

Le tastiere presentano un sound rigorosamente symphonic, in questo ricordano moltissimo i Dimmu Borgir degli anni novanta.

L'originalità sicuramente è una qualità che non manca in questa band, dodici brani, tutti diversi tra loro, tutti epici, tutti potenti, ognuno a suo modo e nessuno di essi è ripetitivo.

Sweetness and Blasphemy, il full – length è stato diviso proprio in base a queste due parole chiave.

 

La copertina è un altro aspetto importante, che permette di comprendere ancor di più l'impronta lugubre dei Cruenta Lacrymis: la pallida figura di una ragazza bionda in primo piano con uno sguardo a dir poco spaventoso, occhi che quasi non esistono, bianca come un fantasma, porta un paio di corna e alle sue spalle, su uno sfondo tetro si intravede una chiesa alla cui entrata è appostata una sagoma nera.

Questa band saprà sicuramente come valorizzarsi, migliorare sempre di più anche per il prossimo futuro.

E' cominciata un'era, l'era dei Cruenta Lacrymis.