Sezione recensioni
recensioni15/03/2015A cura di: Alessandra Torcasso
A2athot
Gestalt
a2015_03_15_10_54_31_gestalt_cover.jpg

Tracklist

  • 1. Intro
  • 2. Wrong Way
  • 3. Hic Et Nunc
  • 4. Is This Brutal?
  • 5. Cutting Knives
  • 6. Hiding in a Glass House
  • 7. Maybe It's Not Up To Us
  • 8. (M)
  • 9. Blanket

Genere

Elettronica

Etichetta

Built2Kill Records

Voto

8 su 10

A2athot, one man band italica. Gestalt, l’ultimo prodotto.

Rimasterizzato da Tommy Malanca, Prodotto nei Nadir Studios, uscito per Built2Kill Records.

 

Gestalt non è un album come tutti gli altri. E’ un’esperienza: molti storceranno il naso, chi sarà in grado di capire troverà in questo lavoro un punto di inizio o un punto di ritrovo.

In tutte le tracce, di abbondanti durate, gli scenari trasmessi sono cupi, industrial alla Nine Inch Nails. Più elettronici e sintetizzati invece in track come in Hic Et Nunc che ammiccano lontanamente ad un Aphex Twin.

La voce è bassa, messa in un piano secondario, ma lenta e penetrante come nelle sentimentali Cutting Knives e Hiding in a Glass House

Come nella terapia della Gestalt, A2athot riesce a creare un ambiente unico, dove ogni organismo con i propri bisogni dominanti diventa la figura alfa, anche se temporaneamente, riuscendo ad arretrare nello sfondo.

 

In sostanza un disco forte, incisivo ed empirico che rientrerà sicuramente nella mia personale collezione.