Sezione recensioni
recensioni11/03/2015A cura di: Vanessa Galati
I Miss My Death
In Memories
a2015_03_11_11_23_52_In Memories - album cover.jpg

Tracklist

  • 1. The Last Overture
  • 2. In the Dark Garden of the Vampire
  • 3. In Memories
  • 4. Silence Cries
  • 5. Thirteen Autumns of My Solitude
  • 6. Earl Pale
  • 7. Trail into the Past
  • 8. Silent Existence
  • 9. Flower that Fades
  • 10. The One
  • 11. While You Remember Me
  • 12. Lacrimosa (W.A. Mozart)

Genere

Metal

Etichetta

Metal Scrap Records

Voto

10 su 10

“Silence cries, I hear her quite crying. All the world is gradually dying. Everything becomes lifeless, grey.”, queste sono le bellissime parole che aprono la quarta traccia di un capolavoro, capolavoro che arriva dalla cittadina di Kiev. La solitudine, le atmosfere cupe, la voce femminile lirica accostata a quella growl maschile, un improvviso essere catapultato all'indietro nel tempo e molto altro ancora, ecco le caratteristiche del full - length In Memories della band gothic - doom ucraina I miss my Death. E' meraviglioso ed interessante scoprire che questo genere musicale non sia morto.

 

Melodie splendide, voce femminile soave e romantica all'inverosimile, lirica di tutto rispetto che, col tempo, si formerà e migliorerà sempre di più perché si sa, la perfezione non è mai abbastanza.Melodie poetiche, accompagnamento di tastiere molto tecnico, a tratti pianistico, come vuole il genere, riff di chitarra potenti. Insomma siamo sicuri che non siano i diretti eredi dei The Sins of Thy Beloved e dei primi Theatre of Tragedy con la sola differenza della presenza della voce femminile lirica al posto di quella non impostata? Già il nome della band sintetizza il tutto. Inoltre si nota volentieri il rifarsi all'album dei Tristania World of Glass, precisamente il brano Wormwood, dove la presenza dei cori ricopriva un ruolo non secondario, cori gregoriani, tipici, tra l'altro, del periodo gotico vero e proprio.

 

In Memories si chiude con un bel classico di Mozart, famosissimo, tratto dalla Messa di Requiem, ovvero Lacrymosa: tentativo perfettamente riuscito. Non elenco, di seguito, brani di spicco in quanto mi sono piaciuti moltissimo, tutti allo stesso modo. Bravi, bravi, bravi. Perfetti. Ma anche tecnicamente non riesco a trovare difetti. Purtroppo nella valutazione non esiste la lode, altrimenti l'avrei data molto volentieri.