Sezione recensioni
recensioni02/11/2014A cura di: Serena
Khold
Til Endes
a2014_11_02_11_26_57_khold-tilendes.jpg

Tracklist

  • 1. Myr
  • 2. Skogens Oye
  • 3. Ravnestrupe
  • 4. Dommens Arme
  • 5. Til Endes
  • 6. Det Dunkle Dyp
  • 7. Avund
  • 8. Hengitt

Genere

Metal

Etichetta

Peaceville Records

Sito Ufficiale

http://www.khold.net

Voto

8,5 su 10

Escono per la Peaceville Records i Khold, dopo sei anni di silenzio, con Til Endes, sesto album della discografia. I norvegesi Khold ritornano dopo diversi anni con un black metal infuocato: altro non saprei come definire questo nuovo lavoro dei nostri.

 

Til Endes pesca a gran mani dalla tradizione del black metal norvegese, dalle radici più profonde della scena di Oslo e un preciso riferimento al tipico sound dei Satyricon di K.I.N.G., ma si riscopre una marcata vena hard rock. Insomma, non è la solita minestra, il solito disco classificabile nel black più classico, e per fortuna. Sicuramente una novità in un genere che da una parte sembra rimanere staticamente sulle sue posizioni e dall’altra prova ad evolversi con scarso successo.

 

La band, sebbene con una discreta storia alle spalle, riesce invece a portare qualcosa di diabolico (questo sì) ma altresì innovativo, il che rende il progetto ancora più valido e interessante. Tra cambi di tempo e influenze di genere talvolta un poco dissonanti, Til Endes è un album da promuovere.