Sezione recensioni
recensioni13/10/2014A cura di: Serena
Denial
Burden of Lies
a2014_10_13_09_28_13_Denial-BURDEN-OF-LIES-2014.jpg

Tracklist

  • 1. Morphogenesis
  • 2. Countless Dead Bodies
  • 3. Embers of Hate
  • 4. Monarchy Without a King
  • 5. Fear
  • 6. Rapid Eye
  • 7. Death Dye Vest
  • 8. Temporary Retirement
  • 9. Echoes

Genere

Metal

Etichetta

Buil2kill Records

Voto

8 su 10

Lunga e travagliata è la vita dei Denial, progetto technical death genovese. Nato nel 2000, a seguito di due EP (Origin e Morphogenesis) e di periodi di pausa più o meno lunghi intervallati da importanti cambi di lineup, è una sorpresa che i nostri che siano riusciti a dare alla luce questo Burden of Lies. I Denial, oltre a essere presenti in diversi progetti importanti e in differenti generi musicali (parliamo del thrash metal degli Extrema con il batterista Francesco La Rosa fino al neofolk degli Ianva, il cui milita il bassista Azoth) sono prima di tutti musicisti di grande bravura che riescono finalmente a esprimere il potenziale del progetto con questo primo full length.


Contraddistinto prevalentemente dai virtuosismi che si susseguono rapidamente durante l’ascolto delle nove tracce, si può dire tranquillamente che Burden of Lies non è un disco noioso. L’impianto portante dell’intera opera sono sicuramente l'incessante doppio pedale  e il graffio delle chitarre. Quest’ultimo ne risulta anche uno dei tratti più caratteristici insieme alla voce della growler Julie Ann, molto simile alla Angela Gossow di Wage of Sin (quando ancora la voce pareva naturale). Un concentrato di dissonante energia, in cui si intravedono alcuni sprazzi melodici, un piccolo barlume di luce all’oscurità violenta dell’intera composizione.


Dopo tanti anni passati nell’oblio, i Denial cercano riscatto con questo Burden of Lies. Ci auguriamo che l’attesa alla fine ripaghi il combo genovese.