Sezione recensioni
recensioni10/09/2014A cura di: Vanessa Galati
MaterDea
A Rose For Egeria
a2014_09_10_01_05_49_digipackegeria.jpg

Tracklist

  • 1. Beyond The Painting
  • 2. Talagor Of The Storms
  • 3. Whispers Of The Great Mother - Part 1
  • 4. Whispers Of The Great Mother - Part 2
  • 5. Merlin And The Unicorn
  • 6. A Rose For Egeria
  • 7. An Unexpected Guest
  • 8. Land Of Wonder
  • 9. Altars Of Secrets
  • 10. Prelude To The Rush
  • 11. Running All Nights With The Wind
  • 12. Haerelneth's Journey

Genere

Metal

Etichetta

Midsummer Eve

Voto

9,5 su 10

 

Quando si dice che gli artisti non sono tutti uguali, nel senso buono del termine. Ognuno si caratterizza per determinati aspetti e questo è il caso dei MaterDea.

Il loro ultimo lavoro “A rose for Egeria” è un album fresco, leggero e allo stesso tempo ricco di suoni ed atmosfere che ricordano le ballate medievali e celtiche oltre a rievocare ambientazioni epiche.

La voce della cantante è cristallina, molto chiara e dolce, a tratti decisa ed espressiva, rinforzata dalle chitarre che sembrano sollevarla verso il cielo.

Si narra di leggende lontane come nella traccia “Merlin and the unicorn” fino ad arrivare al brano che da il nome all'album: “A rose for Egeria”, il quale si apre con un prologo recitativo che anticipa il tema trattato nel brano, un monologo molto cupo ed epico lasciando il posto alle potenti tastiere che si rendono partecipi qui come anche in “Prelude to the Rush”.

Ogni brano, qui, trova un suo perché, presenta delle caratteristiche che lo contraddistingue dagli altri, non ci si limita semplicemente a cantare e a suonare ma si narra, si racconta come è il caso di “Whispers of the Great Mother” , la cui prima parte è costituita soltanto da una parte strumentale atmosferica lasciando successivamente il posto al brano vero e proprio.

L'artwork di copertina mi ha colpito parecchio: una mano che tiene una rosa, la rosa di Egeria.

Un album davvero interessante, “A rose for Egeria”, un capolavoro con influenze folk, celtiche e medievali.