Sezione recensioni
recensioni10/07/2014A cura di: Alessandra Torcasso
Shreds of Humanity
Irreverence
a2014_07_10_12_12_29_Irreverence-Shreds-Of-Humanity.jpg

Tracklist

  • 1. The Dark Fields
  • 2. Shreds of Humanity
  • 3. React, Reborn
  • 4. Paradox
  • 5. Discordianism
  • 6. Estranged
  • 7. Fear
  • 8. Mankind Persecutors
  • 9. Endeavour to Live
  • 10. Bullets

Genere

Metal

Etichetta

Nadir Music

Voto

8 su 10

Attivi dal 1995, sfornano il loro primo prodotto nel 2000 e a distanza di quattro anni i Milanesi Irriverence ci propongono il loro nuovo ultimo: “Shreds of Humanity”.

Con questo puro e sano trash metal tutto italiano gli Irriverence ancora una volta, bisogna dirlo, ci illustrano con una suprema competenza la loro visione dell’umanità, umanità ormai a brandelli.

Lo fanno con una scatenata carrellata di tracce in cui dieci vengono toccate alcune delle difficoltà che si possono incontrare in questa società, in quello che rimane di questa società.

Il tutto anticipato egregiamente dalla copertina, realizzata dal designer Andreas Marschall, famoso di questa realtà.  La cui raffigurazione tetra ci riporta ad un uomo a cui sono state macabramente mozzati gli arti superiori a sacrificio di altri strumenti e “amabilmente” appeso  su di un ingranaggio.

 

Tutto il full-lenght è caratterizzato da elementi distintivi rispetto al panorama italiano attuale. In ogni traccia si sente tutta la peculiarità tipica del gruppo lombardo. A partire dalla opener “The Dark Fields” fino ad arrivare a una delle track, secondo me spacca terga come “Fear”, passando per un’altra perla piena di riff intricati e veloci come “Paradox” per poi scivolare, sicuramente non nell’oblio da pezzi come “Endeavour to live” e “Bullets”. Il tutto accompagnato da atti minuziosi e precisi di batteria, chitarra e basso.

 

Non c’è molto altro da aggiungere. “Shreds of Humanity “ è uno di quei lavori a cui per forza bisogna dedicare il proprio tempo, più e più volte.  E a cui bisogna rendere grazie per, il solo fatto, di aver avuto grandi capacità e impegno nel non propinare sempre la stessa minestra trita e ritrita, che purtroppo l’underground di questi anni ci da.

 

Gli Irriverence sono:

Ricky : Voce e Chitarra

Davide : Batteria

Stefano : Basso

Eros : Chitarra

Tag in questo articolo

irriverence;nadirmusic;alessandratorcasso;alonemusic