Sezione recensioni
recensioni13/02/2014A cura di: Serena
Fenix Tales
Confutatis Maledictis
a2014_02_13_10_33_03_foto_cover_5633.jpg

Tracklist

  • 1. Confutatis Maledictis
  • 2. Friendly Darkness
  • 3. LCI ( Misterio)

Genere

Metal

Etichetta

Autoprodotto

Voto

7 su 10

E’ raro trovare un gruppo di talento, con musicisti a un ottimo livello strumentale e compositivo, che conosco la ‘musica’ nel senso vero del termine e la plasmano con sentimento e un po’ di testa.

 

Un po’ come i Fenix Tales, le cui basi sono evidentemente ben radicate negli studi classici ma i cui propositi sono da ricercare in un sound più estremo. Al primo ascolto possono sembrare il solito trito e ritrito gruppo goth sfornato in suolo italico da qualche anno a questa parte, eppure c’è di più. Già perché, nonostante non si possano definire appartenenti al sopradetto genere, il loro Ep Confutatis Maledictis ha un quid di rinascimentale, sacro e drammatico.

Estremamente iconografici, i brani riescono in qualche modo a dipingere immagini di altri tempi come una sorta di colonna sonora di grande impatto. Un lavoro sviluppato sicuramente grazie alle scelte vincenti operate a livello di line – up, come ho cercato di evidenziare precedentemente; la presenza delle tastiere ha un ruolo strategico nel rendere le atmosfere da sogno tanto ricercate, ma avere un violino che coadiuva e impreziosisce i pezzi con brillanti arrangiamenti e soprattutto mettere in campo una cantante lirica preparatissima cambia l’andamento di una canzone rendendola degna di essere ascoltata (o meglio, percepita e capita). Unico neo dell’EP è la produzione, un po’ scarna ma neanche una delle peggiori capitatami di trovare fra le miriade di proposte inviatemi.

 

Rassicurati che il lavoro non è concluso qui, e che presto sentiremo Confutatis Maledictis in una veste migliorata, non ci resta che fare i complimenti alla band per il lavoro svolto.