Sezione recensioni
recensioni01/11/2013A cura di: Lara Calistri
Terrorway
Blackwaters
a2013_11_01_05_46_14_Terrorway copertina.jpg

Tracklist

  • 1. Wretched
  • 2. Blackwaters
  • 3. In A Swamp
  • 4. Keep Walking Silent
  • 5. The Inascapable Plot
  • 6. Chained
  • 7. Renewal
  • 8. A Cursed Race
  • 9. Ruins

Genere

Metal

Etichetta

Bakerteam Records

Sito Ufficiale

www.terrorway.com

Voto

7,5 su 10

La band italiana Terrorway fa il suo ingresso nella scena metal con l'album “Blackwaters”, un'evidente fusione tra groove metal e thrash metal, con svariate influenze del death metal. Il chitarrista mostra ottime capacità attraverso una sequenza di riff ben strutturata ed un'ottima serie di assoli.

 

La voce è dotata di sfumature accattivanti e sporche e riesce ad eseguire degli ottimi growl. Il bassista riesce a creare delle ritmiche graffianti e profonde il batterista riesce a suonare tempi molto complessi alternati ad una velocità che supera i confini dell'umana immaginazione. Dal punto di vista tecnico-musicale questo lavoro è ottimo e dotato di un'eccellente feeling musicale tra i membri.

 

Le prove delle notevoli capacità tecniche di ogni componente di gruppo sono canzoni come “Keep Walking Silent”, “Renewal”, “Ruins” “In A Swamp” e “A Cursed Race”. L'accompagnamento riesce ad operare un'eccellente alternanza tra fosche e tetre melodie e momenti di potenza e devastazione musicale. Dal punto di vista stilistico-musicale è sufficiente anche se, spesso, tende molto alla carenza di originalità e di innovazione. Comunque è un ottimo album ed è degno di essere ascoltato.

 

Tag in questo articolo

Terrorway, Blackwaters