Sezione recensioni
recensioni27/10/2013A cura di: Serena
Tides from Nebula
Eternal Movement
a2013_10_27_04_00_29_tides-from-nebula-eternal-movement.jpg

Tracklist

  • 1. Laughter of Gods
  • 2. Only With Presence
  • 3. Satori
  • 4. Emptiness of Yours and Mine
  • 5. Hollow Lights
  • 6. Now Run
  • 7. Let it Out, Let it Flow, Let it Fly
  • 8. Up From Eden

Genere

Metal

Etichetta

Long Branch Records / SPV

Sito Ufficiale

eng.tidesfromnebula.com

Voto

9 su 10

E’ nostro ingrato compito dover dare una definizione a band e sonorità di cui però è difficile esplicare in poche e concise parole il significato più intrinseco; in questi casi è buona regola quindi seguire un percorso contrario a quello che ci siamo imposti.

 

Si può descrivere qualcosa per ciò che non è, cosa che risulta assai semplice nel caso dei Tides from Nebula. Prima di tutto i nostri non sono dei novellini: Eternal Movement è il terzo full-length in ambito post-metal, panorama che tanto va per la maggiore in questo periodo. Non propongono alcuna lirica in nessun brano e non c'è alcuna traccia di violenza o di dolore o di qualsiasi sentimento negativo nel loro album. Si dimostrano così in contrasto rispetto al genere a cui appartengono, che già di per sé è fortemente di rottura nei confronti di quelli più ‘tradizionali’ e classici. In Eternal Movement percepiamo il tipico sounds di The Ocean e dei Cult of Luna ma esso non è così drammatico ed esasperato come i gruppi citati, anzi qui ogni pezzo è pervaso da un inquietante ottimismo, una cieca speranza nel futuro  e un invito ad ammirare la bellezza dell’universo. 

 

Atmosfere palpabili e dense di emozioni si susseguono tra leggeri accordi di chitarra, mentre l'energia più pura scaturisce dalle distorsioni dei passaggi più pesanti; la maestria nel sapere miscelare senza alcuna discontinuità composizioni intense con altre più dinamiche fa rimanere affascinati dall'ascolto di un album completamente strumentale come Eternal Movement, e permette di aggiungere i Tides from Nebula alla lista dei gruppi che vale la pena tenere sott'occhio.