Sezione recensioni
recensioni22/09/2013A cura di: Serena
Standing Ovation
The Antikythera Mechanism
a2013_09_22_10_59_39_Immagine.jpg

Tracklist

  • 1. Scatter
  • 2. Escapade
  • 3. Travesty
  • 4. Black Box
  • 5. Hey Ho!
  • 6. Hemorrhage
  • 7. I Have Superhuman Powers
  • 8. Break the News
  • 9. The A. M. Pt. I - Xekínima
  • 10. The A. M. Pt. II – Eureka
  • 11. The A. M. Pt. III - Apoptosis

Genere

Metal

Etichetta

Inverse Records

Voto

7 su 10

Sebbene il progetto degli Standing Ovation prenda vita nel 2006 il loro è un cammino lento il cui primo punto di arrivo è datato  2011 con la release del primo demo.

Questo sembra però un buon auspicio se ad un paio d'anni di distanza rilasciano The Antikythera Mechanism, primo full-length dalle peculiari sonorità marcatamente progressive. Il titolo misterioso e affascinante si riferisce alla macchina di Anticitera, antico nome dell'isola greca del Cerigotto, uno strumento molto simile a un calendario solare, la cui origine storica difficilmente si sposa con la complessità dei meccanismi risiedenti all'interno. Il fatto storico costruisce così una splendida cornice, coadiuvata dall'atwork, contenente un lavoro ottimamente prodotto in cui le equalizzazioni sono ben gestite e ogni strumento viene giustamente valorizzato nella composizione finale, inclusa la voce limpida del preparatissimo Jouni Partanen.

 

Tuttavia il lavoro non possiede un carisma tale da gridare al miracolo: si percepisce distintamente il lavoro di fino realizzato per portare a termine ogni pezzo, ma l'eccessivo tecnicismo a volte distrugge l'impatto emotivo di questi facendoli scadere nella banalità.

Nonostante tutto The Antikythera Mechanism è un buon album, una buona base per costruire un percorso musicale interessante.