Sezione recensioni
recensioni07/06/2013A cura di: Serena
Masterplan
Novum Initium
a2013_06_07_07_57_40_MP_NI_Jewel_1500x1500.jpg

Tracklist

  • 1. Per Aspera Ad Astra
  • 2. The Game
  • 3. Keep Your Dream Alive
  • 4. Black Night Of Magic
  • 5. Betrayal
  • 6. No Escape
  • 7. Pray On My Soul
  • 8. Earth Is Going Down
  • 9. Return From Avalon
  • 10. Through Your Eyes
  • 11. Novum Initium

Genere

Metal

Etichetta

AFM Records

Voto

9 su 10

Quando si dice ‘partire con il piede giusto’: io i Masterplan non li conoscevo mica. E non capisco come non abbia mai sentito parlare di loro, considerando la loro storia e l’appartenenza, dei vari componenti, a gruppi ben più che quotati (parliamo di Helloween, Stratovarius, Gamma Ray). Non che il progetto non abbia avuto i suoi alti e bassi: la line-up è cambiata spesso nel tempo senza però abbassare i suoi standard qualitativi. Questa cosa si sente fin dal primo ascolto in Novum Initium, che appare un album solido e inattaccabile. Come prima impressione, almeno. Una cosa è innegabile: quest’album è dannatamente teatrale. Le canzoni, nel più tradizionale stile power, sono epiche, esplosive e questo, unito alla presenza scenica dei vari componenti della band, non può che produrre un live emozionante.

 

Sto andando troppo sull’ipotetico, meglio tornare all’album in questione. Esecuzione magistrale, composizioni piuttosto canoniche (ad esempio non mancano i riffs di chitarra, che tuttavia non occupano prepotentemente la maggiorparte delle canzoni impegnandole di virtuosismi inutili, ma appaiono invece come esplosioni di colori arricchendo il quadro generale dell'opera), ma ormai rodate dal pubblico musicale di questo genere. Si potrebbe criticare qualcosa al cantante, ma lo trovo abbastanza inutile: Rick Altzi compete molto bene con i suoi colleghi più ‘altolocati’ applicando il suo stile vocale in maniera efficace in tutti i pezzi.

 

Un ottimo album per un’ottima band, niente da aggiungere.