Sezione recensioni
recensioni26/04/2013A cura di: Serena
Aemaet
Human Quasar
a2013_04_26_11_01_23_aemaet-musica-streaming-human-quasar.jpg

Tracklist

  • 1. Vetus Ordo Seclorum
  • 2. The Iconoclasts
  • 3. A Boy Called Hermes
  • 4. Demons of Dawn
  • 5. Andy The Mothman
  • 6. Slumber
  • 7. The Hangman
  • 8. Shadow
  • 9. Paradoxical Sleep
  • 10. A Shelter From Dreams

Genere

Metal

Etichetta

Red Cat Records

Sito Ufficiale

www.facebook.com/aemaet

Voto

7 su 10

Il rock carismatico degli Aemaet da' sfoggio del suo sex appeal in Human Quasar, primo album del gruppo romano. Troviamo pezzi gradevolmente scritti con chiari riferimenti al grunge più moderno (qualche reminiscenza mi appare all'orizzonte...Staind?), mescolati alla voce di Cristian che appare, nelle parti più cupe, la risposta italiana a Ville Valo.  Un'atmosfera sognante si confonde con cupe litanie, dolci melodie si perdono nella fitta trama delle chitarre... nella composizione generale il lavoro propone pezzi misteriosi e seducenti, un rock che scuote le membra fra inserti elettronici che richiamano in un eco molto lontano i Subsonica. Troppi riferimenti? Troppi richiami differenti fra loro? Eppure trovo siano un punto di forza: gli Aemaet riescono a fondere le loro diverse peculiarità creando un lavoro intrigante e ricco di differenti sfaccettature, dando così prova di affascinare l'ascoltatore e farlo perdere in un'atmosfera da sogno.