Sezione recensioni
recensioni16/12/2012A cura di: Serena
Chains and Visions
Night and Rage
a2012_12_16_08_24_15_CV-Artwork-Front-300x300.jpg

Tracklist

  • 1. 1967
  • 2. Go Away
  • 3. Poisoned
  • 4. Electric Blue Lights
  • 5. Through the Devil's Dance
  • 6. Jack the Fat
  • 7. Instability
  • 8. Tribute
  • 9. Unchained
  • 10. Flower
  • 11. Loneliness
  • 12. War
  • 13. Behind the Green Fair

Genere

Metal

Etichetta

Autoproduzione

Voto

5 su 10

 

I lombardi Chains and Visions propongono la loro prima fatica, Night and Rage, autoproduzione di  tredici tracce con un leggero gusto hard rock . Devo essere sincera, sono molto dubbiosa su quest’album: non riesco a capire che cosa non vada. Eppure sembra fatto come dio comanda: la voce chiara, pulita, intonata e con personalità, la ritmica rigorosamente rock e le canzoni ben strutturate ed energiche.  Ok, la produzione non è di quella superqualità che ormai si possono permettere solo le major (ma sarà così poi?) però ho sentito lavori molto peggiori. E allora qual è il problema?

 

Provo a ipotizzare, ma sono sensazioni a pelle, badate bene. Sarà la voce, fastidiosamente scarna in alcuni punti, a darmi una sensazione di disagio? Oppure la composizione alquanto ridondante, con schitarrate ritmicamente troppo simili nell’insieme dell’album, intramezzate da assoli più inutili che altro? E’ anche vero che quando un gruppo comincia a suonare  si cimenta per la prima volta con il grandissimo dilemma di ogni musicista: da una parte fare un certo tipo di musica che rappresenti le linee guida a cui ci si ispira, dall'altra emergere con un qualcosa, una minima cosa, che renda particolare il sound del proprio lavoro. Il problema è che non si riesce a trovare il giusto equilibrio si rischia di scadere nella mediocrità. Ecco, probabilmente il problema dei Chains and Visions è questo: l'album è talmente banale da risultare 'lento' persino per il genere che tentano di portare alla luce con le loro fatiche. Capita, specialmente quando si comincia. Il trucco? Credo sia quello di continuare a lavorarci, fino a trovare la chiave di volta del proprio sound.