Sezione recensioni
recensioni26/11/2012A cura di: Serena
Pulvis et Umbra
Reaching the End
a2012_11_26_11_00_38_PULVIS-ET-UMBRA-Reaching-The-End-2012.jpg

Tracklist

  • 1. Lying to Yourself
  • 2. Wrath and Sorrow
  • 3. Kosmonaut
  • 4. Portrait of Myself
  • 5. The Price of Trust
  • 6. Reaching the End
  • 7. Hope in a Better Afterlife
  • 8. Architects of War

Genere

Metal

Etichetta

Rising Records

Voto

7 su 10

Debut album dalle tinte fosche e con un velo di pazzia per i lombardi Pulvis et Umbra. Edito per la Rising Records, Reaching the End si propone come un disco dalle influenze thrash senza disdegnare punte di hardcore che rendono più marcia, ma soprattutto più efficace, l’intera opera. Punto di forza del quartetto la funambolica voce che passa con facilità da growl a scream rendendo più oscura l’intera composizione. I riff delle chitarre non disdegnano alcune punte melodiche con l’effetto di spezzare i brani più potenti e riprenderli con ancora più vigore, dando un singolare dinamismo al tutto. La sezione ritmica completa questo lavoro fornendo la giusta velocità a un progetto che ben si inserisce nel genere sopracitato: il vorticoso ed inarrestabile incedere della  batteria rinforza il laconico grido di rabbiosa insofferenza che traspare dai testi. Nonostante l’opera sia concepita in maniera tale da convincere la produzione ne rende difficile l’ascolto: la batteria ovattata e le linee di chitarra poco presenti sono le cose che più penalizzano l’album, che altrimenti sarebbe da ascoltare ‘tutto d’un fiato’.