Sezione recensioni
recensioni03/10/2012A cura di: Serena
Lachaise
In A State of Oblivion
a2012_10_03_10_27_46_notizia_6027.jpg

Tracklist

  • 1. Tuska
  • 2. Awaking
  • 3. When She Decided To Die
  • 4. Frost
  • 5. He's Not Speaking In My Name
  • 6. The Grief
  • 7. Whispering Voice
  • 8. My Secret Tragedy
  • 9. Imperial Outro

Genere

Metal

Etichetta

Revalve Records

Sito Ufficiale

www.lachaiseband.com

Voto

5,5 su 10

La voce di un cantante, o di una cantante, risulta piacevole e convincente se asseconda le proprie naturali predisposizioni. Una voce forzata, benchè educata nel modo corretto, da' un effetto sgradevole. A volte è ricercato, vedi i tantissimi che si cimentano in urla di vario tipo in vari generi (del metal e non), a volte no. Nel caso dei veneti Lachaise, nel loro secondo lavoro In a State of Oblivion, questa cosa viene fuori. E mi dispiace, perchè si capisce che la vocalist Xenia
Nyx è molto preparata, musicalmente e vocalmente parlando. Eppure la scelta di utilizzare un registro molto più simile a quello lirico rispetto a quello naturale della cantante è stato secondo me il punto di caduta di quest'album, che non brilla di originalità o di inventiva ma comunque rispecchia una parte di quel mercato, cosidetto goth, che a cicli regolari spopola anche nel mainstream.
In sintesi, tracce lente, molto melodiche e cupe, voce femminile (appunto)...tutti ingredienti obbligatori (?) per questo tipo di genere, ma mi riservo di dare
un insufficienza poichè il gruppo ha deciso di sfruttare pure il clichè del cantato mezzo lirico per attirare l'attenzione, o magari perchè di moda, facendo più casino che altro. Un vero peccato.