Sezione recensioni
recensioni27/09/2012A cura di: Serena
S.R.L
De Humana Maiestate
a2012_09_27_11_51_00_SRL-De-Humana-Maiestate-300x300.jpg

Tracklist

  • 1. Incipit
  • 2. Sangue Fresco
  • 3. Cicatrici
  • 4. Nottetempo
  • 5. Il Girotondo dei Dannati
  • 6. Nel nome del Padre
  • 7. Denti Serrati
  • 8. Le Ali del corvo
  • 9. Pensieri dal Buio
  • 10. Ricordatevi di Jack
  • 11. L'Occhio dLupo (La Fredda Gloria dell'Umana Maestà)
  • 12. Excipit

Genere

Metal

Etichetta

Revalve Records

Voto

7,5 su 10

Per molte ragioni, gli S.R.L sono una band da rispettare.

La prima: cantano in italiano. Quante band nel campo del metal estremo adottano fieramente questa scelta? Sembra una cavolata, ma così si perde la possibilità di sfondare al di fuori del confini del Belpaese e si è costretti a sopravvivere in questa magra scena.

 

Per questo si può affermatare con sicurezza che alla band umbra non gliene frega niente, a parte la musica. Secondo motivo di rispetto. E non credo di essere l'unica a provarlo, poichè nel corso degli anni molte etichette hanno dato fiducia al combo producendo varie opere. Per ultima si proprone la Revalve Records con questo De Humana Maiestate (che, se il mio latino sepolto non mi inganna, si dovrebbe tradurre "La GrandezzaUmana"), ultima opera degli umbri in uscita il primo ottobre (ebbene sì, noi siamo avanti!)

 

Ma parliamo un po' dell'album. La produzione mi sembra un po' piatta, specialmente nelle chitarre che mi sarebbero piaciute più "piene". Questo secondo me penalizza ingiustamente il loro sacrosanto lavoro. Nonostante l'italiano (che a me personalmente sconvolge sentirlo in questo genere,  ma tutto sommato non è male) le canzoni filano, una dopo l'altra, dando una senzazione di assoluta ed oscura potenza. Le linee di voce sono sapientemente miscelate, sia a livello produttivo che a livello di realizzazione compositiva da parte del vocalist Khaynn. Un Death Metal melodico e interessante, condito da liriche maligne ed accattivanti. Veramente interessante.