Sezione recensioni
recensioni07/06/2012A cura di: Serena
Vita Odiosa
Giorni Felici
a2012_06_07_10_28_27_foto_cover_4043.jpg

Tracklist

  • 1. Intro
  • 2. Attesa
  • 3. Inno Alla Sofferenza
  • 4. Non Siamo Niente
  • 5. Depression Part I (Abyssic Hate Cover)

Genere

Metal

Etichetta

Kaotoxin

Voto

6,5 su 10

Fin dalle prime note del quarto lavoro di Vita Odiosa, "Giorni Felici", ho pensato subito a Xasthur. C'è qualcosa in questo approccio al depressive black molto simile a quello adottato dal musicista americano, anche se non si può dire la stessa cosa dell'effetto che ne suscitano i brani. Se Xasthur nelle sue composizioni rappresenta una densità di suono e un'introspezione veramente elevata, in quest'opera non si può dire la stessa cosa. Benchè i brani risultino
concepiti nella loro sacralità e nella loro sofferenza secondo un climax ben ponderato, essi non coinvolgono, nè riescono a comunicare completamente quel senso di angoscia e follia che traspare, comunque, a tratti. Un lavoro troppo poco distorto e disturbato, non troppo inserito nei clichè del genere che da una parte può risultare un bene, ma dall'altra non proponendo idee innovative non sconvolge un filone forse troppo statico nella sue opere. I suoni, molto puliti per delle tastiere la cui liricità è apprezzata, si trasformano in chitarre non troppo distorte e troppo abbassate, e insieme alla voce un po' troppo monotona non risultano vincenti nella realizzazione dei pezzi. Inoltre, perdonatemi l'integralismo di questa frase, ma il dialogo tratto da "Fight Club" nel brano "Non siamo niente" non si sposa bene nè col genere nè con la struttura del disco. Tralasciando il mio gusto personale, ritengo che nel complesso le idee siano valide ma debbano essere espresse ed elaborate in maniera più particolare e profonda. D'altronde il depressive black è un genere complesso, che genera nell'ascoltatore sentimenti mutevoli ma nello stesso tempo di difficile fruizione. E' perciò arduo per l'artista concepire le sue opere per trasmettere ciò che egli vuole comunicare: l'eterna angoscia dell'esistenza.