Sezione recensioni
recensioni18/05/2012A cura di: Serena
Ignition Code
Newtek Lie
a2012_05_18_10_04_41_IC-Newtek-Lie-300x300.jpg

Tracklist

  • 1. NewTek Lie
  • 2. Nothing Left
  • 3. Organic Program Failure
  • 4. The Illusion Of The Observable
  • 5. M.S.P.
  • 6. Human B.P.M.
  • 7. Biological Prospect
  • 8. MicroKid
  • 9. Gamegear
  • 10. The Silent Judge

Genere

Metal

Etichetta

Toreact Records

Voto

8,5 su 10

Le molteplicità dei vari generi metal (dal più estremo a quello in rotazione su MTV) è fondamentalmente immensa. La risposta più comune fra i musicisti quando si chiede loro dove si collocano in questo panorama è normalmente "non è possibile catalogarci in un genere particolare". Se poi una proposta nasce dalla commistione di gruppi le cui radici sono diverse, ecco lì si che è un problema.
Fortunatamente, nonostante gli Ignition Code uniscano il metalcore dei Sawthis al deathcore stile Suicide Silence dei The Juliet Massacre, possiedono una matrice 'core che li può ben posizionare in quella schiera di gruppi di ultima generazione, che ha sovvertito i canoni del metal estremo portando nuovi spunti e nuove "eresie".
Insomma, che cosa può nascere da tutto questo? "Newtek Lie" è un album potente, pieno zeppo di breakdown e ruggiti, una miscela esplosiva di chitarre distorte e cambi di tempo a volte scontati ma neanche troppo noiosi. Un disco da far muovere la testa, dall'inizio alla fine, a cui affezionarsi e cantare. Purtroppo a mio parere la produzione non è al livello della composizione, le chitarre non danno quella "botta" tanto familiare nei dischi di questo genere. In "Micro Kid" addirittura si ascoltano delle cadute di volume in alcuni punti del brano che non capisco sia un effetto voluto o se c'è qualcosa che non va. Nonostante tutto, le idee sono valide, i pezzi originali e ben costruiti, la voce riesce a gestire i diversi stili canori in modo non banale (ho letto sul web che un difetto del cantante Alessandro Falà fosse una poca convincence clean voice; devo dire che non sono d'accordo, anche se tale stile non è poi così importante nelle canzoni), il tutto fila e coinvolge. Che dire, un ultimo sforzo e chi lo sa che il prossimo cd avrà i pieni voti?