Sezione recensioni
recensioni11/05/2012A cura di: Serena
69 Chambers
Torque
a2012_05_11_09_36_20_69_Chambers_Torque_Cover.jpg

Tracklist

  • 1. Cause And Effect (feat. Chrigel Glanzmann)
  • 2. Bring On The Flood
  • 3. Naughty Naughty Naughty
  • 4. Anhedonia
  • 5. Burn Some Gasoline
  • 6. The Peep Hole
  • 7. Ring A Bell
  • 8. Closure
  • 9. And Then There Was Silence
  • 10. Temple Down
  • 11. Your Fool
  • 12. The Doom Of Her Power
  • 13. Grace
  • 14. Elegy

Genere

Metal

Etichetta

Massacre Records

Sito Ufficiale

www.69chambers.com

Voto

6 su 10

Esistono decine di gruppi con delle potenzialità inimmaginabili che bloccati dalla mancanza di fondi rischiano di non uscire dall’underground locale. Le case discografiche però non si prendono il rischio nè spendono tempo per cercare nuove realtà, ma fanno la cosa più banale che nello stesso tempo è la più redditizia: copiare.
Ecco quindi un gruppo con una frontwoman (sia vocalmente che strumentalmente molto preparata, e complimenti per questo) intraprendere due stili vocali molto differenti, alla The Agonist, il cui clean somiglia paurosamente ad Alaniss Morrisette, coadiuvata da una sezione strumentale mediocre e un’ottima produzione (parliamo di Tony Vetterli, chitarrista dei Coroner e in passato dei monumentali Kreator). “Torque” contiene 14 canzoni con un'unica idea in testa riproposta in diverse forme e una manciata di spunti, ripresi da gruppi famosi, messi assieme per inventarsi una proposta nuova che risulta però solo un abile assemblaggio. Il disco è godibile, ma è lungo: se  l'inizio fa pensare ad un progetto particolare, finisce per annoiare a morte dopo una decina di pezzi.
Insomma, nulla da dire a questo lavoro, che per la cura delle songs e alla produzione altisonante si merita una sufficienza piena.