Sezione recensioni
recensioni16/04/2012A cura di: Daria
Björk
Biophilia
a2012_04_16_09_16_22_biophilia_bjork.jpg

Tracklist

  • 1. Moon
  • 2. Thunderbolt
  • 3. Crystalline
  • 4. Cosmogony
  • 5. Dark Matter
  • 6. Hollow
  • 7. Virus
  • 8. Sacrifice
  • 9. Mutual Core
  • 10. Solstice

Genere

Pop

Etichetta

Polydor

Sito Ufficiale

http://bjork.com/

Voto

9,5 su 10

A quattro anni dal fortunato Volta il folletto islandese riesce a stupirci ancora Biophilia infatti è un album innovativo sotto molti punti di vista: può essere acquistato sia come un normale album, contenente un video diverso per ognuna delle dieci tracce, sia come il primo app album, vale a dire un pacchetto composto da dieci applicazioni per iPad, tenute insieme da un’applicazione madre. Ogni applicazione corrisponderà ad una diversa canzone dell’album e cambierà aspetto nel corso del tempo. Il disco si apre con Moon un'arpa delicata che si scontra nel finale con voci sovrapposte, Thunderbolt  si avvicina di più all'elettronica e , dopo una pausa di quasi un minuto che fa pensare che il brano sia terminato,riparte con delle sferzate elettroniche.Crystalline, che aveva anticipato l'uscita dell'album, è forse il mio brano preferito, è tutto giocato sul combinarsi di gameleste e drum'n bass, posto in terza posizione regala una sferzata al disco, segue Cosmogony, unico brano dove compare una sessione di ottoni che richiama il precedente lavoro Volta, un brano quasi inquietante e dal finale tenebroso. Più essenziale Dark Matter:voce organo e nulla di più. Hollow va a rimpire i vuoti lasciati dal brano che lo precede, armonizzando voce ed organo ad un beat digitale.Virus, forse il punto più alto del disco, ci regala la Björk che siamo abituati ad ascoltare, quella intensa e magnetica.Più sperimentali Sacrifice e Mutual core, il disco si chiude con Solstice che lascia nell'aria la magia e il fascino che solo questo folletto islandese sa creare.