Sezione recensioni
recensioni21/03/2012A cura di: Daria
Klimt
Viola Spera
a2012_03_21_09_07_57_viola.png

Tracklist

  • 1. Oh dottore
  • 2. Panicotina
  • 3. Yoga
  • 4. Surface
  • 5. Lombardia
  • 6. Fili di catene
  • 7. Ieri mi sono comportato male nel
  • 8. L'ora di andare
  • 9. Shanti
  • 10. Crawling
  • 11. Oltre la frana

Genere

Rock

Etichetta

Autoprodotto

Voto

8 su 10

La particolarità di "Viola spera", primo disco autoprodotto del trio lombardo Klimt, è che ogni pezzo sembra una storia a sè, sonorità e strumenti diversi e grande spazio alla sperimentazione. Si spazia dal rock, passando per il pop e si strizza l'occhio alla psichedelia. I testi, molto personali e diretti parlano della vita quotidiana, forse questo penalizza un pò la fruibilità del disco che talvolta diventa difficile da comprendere.Nel complesso, i Klimt sono una brava band, purtroppo ancora distanti dall'avere una propria identità, un suono che faccia esclamare "Ah questi sono sicuramente i Klimt!" Uno dei pezzi migliori è sicuramente "Yoga" con le sue poetiche parole.

Non perdiamo di vista questo gruppo, ci regalerà grandi sorprese!