Sezione recensioni
recensioni27/02/2012A cura di: Daria
Babel
Babelizm
a2012_02_27_10_12_13_Babel_Babelizm.jpg

Tracklist

  • 1. Cose che cambiano
  • 2. Jamila
  • 3. Pakistano reggiano
  • 4. Mi hanno insegnato
  • 5. Cuchcuch
  • 6. Bande con la benda
  • 7. Bada la badante
  • 8. Aprile
  • 9. Deserto
  • 10. Bionda

Genere

Varie

Etichetta

Lo Scafandro/UPR/Edel

Voto

8 su 10

 

Babel è un nuovo progetto di etnomusic elettronica, nato nel 2010 tra Modena e Correggio. Sette musicisti da India, Grecia, Balcani e Italia mescolano suoni tradizionali e beat elettronici, tra oud e violino, rap e loop, Bollywood e pianura padana. È uno spaccato della società multietnica, che indossa il sari e cammina su groove metropolitani ballando sui battiti anarchici degli slums globali.

Babelizm è il titolo del primo album del gruppo, uscito con etichetta Lo Scafandro / UPR / Edel. I testi raccontano la città del duemila, mescolando suoni tradizionali e musica elettronica, megalopoli digitale e tribale allo stesso tempo. Città attraversate da tensioni, metamorfiche, dove gli incroci di linguaggi e il clash multietnico portano alla luce storie di una umanità in continuo movimento. Ci sono canzoni in hindi  Cuchcuch, in greco Bionda, Mi hanno insegnato, pezzi dedicati ai nuovi cittadini italiani : casari e contadini con il turbante Pakistano Reggiano intraprendenti badanti platinate Bada la badante, influenze mediorientali e ambientazioni desertiche Jamila, Deserto inni ai pirati del nuovo millenio Bande con la Benda. Il suono mescola strumenti tradizionali ed elettronica, inserendosi nella scia di altre esperienzeworld internazionali, innestando la tradizione con la modernità, utilizzando tecnologie hi-tech di scarto come colonna sonora della bidonville diffusa.Un bel disco, nuovo per sonorità e arranggiamenti, uno spaccato della società odierna che solo la musica riesce a descrivere così bene.