Sezione recensioni
recensioni27/11/2011A cura di: Alessandra Torcasso
Eyeconoclast
Sharpening Our Blades on the Mainstream
a2011_11_27_03_34_14_tn_Immagine.jpg

Tracklist

  • 1. Sharpening Our Blades on the Mainstream
  • 2. Anoxic Waters
  • 3. XXX Manifest Involution

Genere

Metal

Etichetta

Downfall Records

Voto

7,5 su 10

[ITA]

E se uomo e fantascienza fossero il risultato di un solo parto? E se la fantascienza non sia mai esistita unicamente per la letteratura?


Hanno voluto dare la risposta a tutto questo i romani Eyeconoclast con il loro terzo prodotto. "Sharpening Our Blades on the Mainstream" tratta di tematiche futuristiche, come si intravede sin da subito dalla prima di copertina, disegnata da Adrée Walling, un prototipo inverso, del famoso deus ex machina.


Tutte i tre testi, a partire dall'omonima "Sharpening our Blades on the Mainstream", girano nel lettore con una violenza non ordinaria quanto veloce. Brutalità che si placa solo un attimo con "Anoxic Waters" a tratti più melodica, ma scattante quanto ogni precedente in casa Eyeconoclast. "XXX Manifest Involution" chiude già il banchetto dei nostrani, ma con impeto notevole e guarnita da assoli degni nota.

 

Si conclude con quest'ultimo pezzo il terzo genito dei Romani. Solo la prima fase di quello che sarà una graduale e prossima unione tra essere umano e macchina. Vorrà dire che riusciranno, non solo con intento utopico, gli Eyeconoclast a raggiungere livelli divini? Io ne sono sicura. Non ci resta che attendere.

 

Membri:

Alessio Cosenza: Chitarra
Stefano Morabito: Chitarra
Mauro Mercurio: Batteria
Paolo Ballarotto: Basso e seconda voce
Filippo Palma: Voce

 

[ENG]

And if man and science fiction were the result of a single birth? And if science fiction has never existed only for literature?

The romans Eyeconoclast give the answer to all this, with their third product.  "Our Sharpening Blades on the Mainstream" is futuristic themes, as can be seen right away by the front cover, designed by Walling Adre, a prototype reverse of the famous deus ex machina.


 All three texts from the homonym "Sharpening our Blades on the Mainstream", runs with a violence not as fast.  Brutality that subsides only a moment with "Anoxic Waters" at times more melodic, but agile as any previous home Eyeconoclast.  "XXX Manifest Involution" closes at the banquet of our own, but with considerable momentum and garnished solos worthy of note.

 

 We conclude with the latter part of the third born Romans'. Only the first phase of what will be a gradual and close union between man and machine.
 

It will mean they will succeed, not only utopian intent, the Eyeconoclast reach divine levels?

 I am sure of. We just have to wait.

 

Line Up:

Alessio Cosenza: Guitar
Stefano Morabito: Guitar
Mauro Mercurio: Drums
Paolo Ballarotto: Bass and backing vocals
Filippo Palma: Vocals