Sezione recensioni
recensioni19/07/2011A cura di: Daria
Casino Royale
Io e la mia ombra
a2011_07_19_11_39_12_Io-E-La-Mia-Ombra.jpg

Tracklist

  • 1. Solitudine di massa
  • 2. Io e la mia ombra
  • 3. Ogni uomo una radio(Turn it on!)
  • 4. Senza il tempo
  • 5. Il fiato per raggiungerti
  • 6. Cade al giusto posto
  • 7. Io vs te
  • 8. Ora chi ha paura
  • 9. Vivi
  • 10. Il rumore della luce
  • 11. Stanco ancora no
  • 12. Città di niente

Genere

Varie

Etichetta

Universal

Voto

9,5 su 10

 

Questo disco ce l'hanno fatto sudare, la sua uscita è stata posticipata parecchie volte, ma dopo aver ascoltato Io e la mia ombra posso serenamente dire che ne è valsa la pena.

Anticipato dal singolo omonimo dalle sonorità ska, accompagnato da un video spettacolare diretto da Cosimo Alemà, l'album Io e la mia ombra segna il ritorno di questa storica band milanese, io, in quanto fan di quel plastico mistico sono contenta che siano tornati, molto contenta.

12 tracce che tolgono il fiato, che spaziano dal dub- black passando per il reggae e il funk caraibico fino ad arrivare al rock elettronico, ma sono talmente tante le sfumature che assumono i singoli pezzi che elencarle tutte sarebbe davvero lungo. Se dovessi tra una delle tracce del disco il mio brano preferito, credo che la scelta ricadrebbe su Ora chi ha paura, che dal vivo è davvero una gioia per le orecchie.

Io e la mia ombra anche nella vita reale( e scusate il gioco di parole) infatti dopo la collaborazione con Howie B i Casino Royale decidono di fare tutto da soli con i rischi che questo comporta. Questo è il disco della maturità, dove si tirano le fila della propria vita e ci si guarda indietro ma è anche il disco dove si decide che si ha ancora voglia di fare e molto, dichiarazione molto chiara nel brano Stanco ancora no, la storia e l'amore per la musica dei Casino.

Milano non poteva che occupare un posto privilegiato in questo disco, in molti brani infatti con la lucidità che li distingue i Casino raccontano il loro rapporto con questa città che amano ma allo stesso tempo odiano.

 

"Io e la mia Ombra, musica che parla di vita nascosta dietro le altrui esistenze, la speranza e le paure, siamo tutti io e la mia ombra, isolati dove non arrivano rumori, abitudini e telefonate. Solitudine che riguarda la massa e la città base che costringe, quella Milano Italia che trascina i milioni nei dubbi che cercano di notte, tutti di nuovo chiusi in case senza identità apparenti, si parla di un uomo che come una radio emette il meglio e il peggio, di sentirsi giovani come il domani e poi il crollo." Un disco bellissimo, davvero.