Sezione recensioni
recensioni03/07/2011A cura di: Daria
Downlouders
Haustillio
a2011_07_03_10_02_27_l (2).jpg

Tracklist

  • 1. Tractor
  • 2. Reborn agian stupid
  • 3. You known I can'
  • 4. Your lullaby
  • 5. Dye
  • 6. Polizei adiuvame
  • 7. If I
  • 8. Lost in my eyes
  • 9. Tucano
  • 10. Ghost crack

Genere

Varie

Etichetta

Terra Desolata Label

Voto

8 su 10

 

Downlouders non è una band, è un esperimento musicale il cui scopo è unire musicisti provenienti da generi ed esperienze diverse. Il primo episodio di questa saga è "Haustillio", primo album da Downlouders.
Creato nell'estate del 2009 dopo una sessione di improvvisazione di tre giorni in una casa colonica isolata in Toscana Haustillio,  è caratterizzato, da una toccante essenzialità composto, suonato, registrato e mixato da un gruppo cinque elementi in otto giorni con batteria, basso, due chitarre elettriche, Fender Rhodes ,piano elettrico, syntesizer e voci. E 'stato registrato su una digitale multitraccia portatile, e suonato dal vivo.

Dieci tracce che spaziano  tra il rock e la new wave con delle punte di psichedelica e di commuovente blues. Una voce quasi sussurrata  e delle sonorità che ci riportano indietro  di almeno trent’anni, senza però scadere nel banale e nel ripetitivo, nonostante le influenze siano chiare e forti quello che si ascolta è nuovo e originale.

Uno dei miei brani preferiti è sicuramente You know I can’t  che non avrebbe sfigurato in un disco dei Pink Floyd. Spero che Haustillio abbia un seguito, se non fosse così sarebbe un vero peccato.