Sezione recensioni
recensioni28/06/2011A cura di: Daria
Barbara Gobbi
Ciò che non posso avere
a2011_06_28_10_34_23_gobbi-294x294.jpg

Tracklist

  • 1. Abban (dono)
  • 2. E di passi neanche l'ombra
  • 3. Certezze e cemento
  • 4. Afa circonda
  • 5. Donna manager
  • 6. Intrigante
  • 7. Le tue maschere
  • 8. Il mio bell'attimo
  • 9. In sostanza
  • 10. La lieta notizia

Genere

Pop

Etichetta

Zeta Factory

Voto

7 su 10

 

Dopo intoppi, ritardi e imprevisti, esce il primo disco della cantautrice modenese Barbara Gobbi un progetto che racchiude 10 brani scritti tra emozioni provate e osservate da lontano.“Io rincorro, molto spesso, tutto ciò che non posso avere. Le 10 tracce che compongono il disco sono veicolate da questo concetto. Scrivendo, mi sono accorta che ogni brano ha una sorta di frase chiave che mi riporta a qualcosa che mi manca e che voglio, inevitabile chiamare il mio primo lavoro Ciò che non posso avere”! dichiara la cantante. E in effetti in questo album c’è un motivo ricorrente: la tensione a qualcosa che manca, che la gobbi sa esprimere molto bene attraverso musica e parole.Canta, scrive, compone e le basta poco, pochissimo per farlo: una persona, uno sguardo, un oggetto, un istante ed immediatamente ecco che la fotografia di quell'attimo si trasforma in canzone e le sue emozioni ci arrivano e come un boomerang tornano a lei in un continuo scambio di energia. Quell'energia e quella determinazione che ti convincono quando la senti cantare.

Un disco zeppo di stati d’animo, quegli stati d’animo che almeno una volta nella volta nella vita abbiamo provato tutti, lo sdoppiamento cuore ragione, la sensazione di aspettare qualcosa che non arriverà mai, la consapevolezza che l’istinto può essere salvezza ma anche croce. Tutto raccontato, o meglio cantato, spesso con cattiveria e rabbia, altre con una rassegnata consapevolezza.

Un buon inizio, un buon disco.