Sezione recensioni
recensioni16/05/2011A cura di: Daria
Bruno Bavota
Il pozzo d'Amor
a2011_05_16_09_44_46_bavota.jpg

Tracklist

  • 1. La danza delle stelle
  • 2. La luce nel cuore
  • 3. L'abbraccio
  • 4. Aldilà dei sogni
  • 5. Bagliore
  • 6. Il rumore delle stelle cadenti
  • 7. Pozzo d'amore
  • 8. Respiro
  • 9. Gli acrobati
  • 10. Lo specchio dell'anima
  • 11. Gli occhi delle donne
  • 12. Tempesta

Genere

Pop

Etichetta

Autoprodotto

Sito Ufficiale

www.brunobavota.it

Voto

7,5 su 10

 

 

“Nasce dall’esigenza di dar voce ai miei pensieri più intimi e nascosti e nonostante la malinconia di fondo che accompagna il disco,  la colonna portante delle composizioni ed il loro significato ultimo è la speranza.” così si legge sul sito del compositore napoletano Bruno Bavota che ha da poco pubblicato il suo album Il Pozzo d’Amor.

Un disco denso ed emozionante che va a toccare le corde dell’anima, utilizzando solamente gli 88 tasti che mette a disposizione la tastiera di un pianoforte.

Solo in pochi brani, Bavota si fa aiutare dal violoncello di Fabrizia Nicolosi per tradurre in musica i suoi stati d’animo che scalpitavano per uscire e per aver voce.

Il Pozzo d’Amor contiene 12 tracce in cui Bruno spalanca a chi lo ascolta il suo mondo con una lucidità e d intensità disarmanti.

Nella movenza a singhiozzo de Il rumore delle stelle cadenti, per citare uno dei brani più evocativi del disco, chiudendo gli occhi sembra proprio di vedere la scia argentea di questi astri.

Consigliato l’ascolto de Lo specchio dell’anima, ognuno si sentirà colpito e ferito da questa aria.

Un disco che va ascoltato con calma e tranquillità ritagliandosi un momento di pace per lasciarsi pervadere dal turbinio di emozioni che sicuramente vi susciterà.