Sezione recensioni
recensioni09/05/2011A cura di: Daria
Bona Head
Colours Doors Planet
a2011_05_09_09_00_51_m.jpg

Tracklist

  • 1. Overture(The traveller)
  • 2. Fog
  • 3. Kites(Lost in Thought)
  • 4. Momentary Vision
  • 5. Before to mirrors
  • 6. Talking to myself
  • 7. September Shock
  • 8. M.Pity
  • 9. Miss Serendipity
  • 10. Kepler (The Reflection)

Genere

Pop

Etichetta

Unsigned

Voto

8 su 10

Lo dico già dalla primissima riga, Colors doors Planet, primo lavoro solista di Roberto Bonazzoli, in arte Bona Head, è un disco che consiglio caldamente.Già la decisione di suddividere il suo lavoro in tre sezionie a cui associare dei coliri: doors 1, 2 e 3, faceva ben sperare che il disco non fosse uno dei soliti, speranza confermata già dalla prima traccia fortunatamente. Un piccolo capolavoro di pop italiano che oscilla tra sonorità  depechemodiane momenti di dance sommersa filtrata da pad infiniti, sostanziosi ed eterei per definizione, e sprazzi di new wave.Quello che colpisce di questo lavoro è la padronanza con cui Bonazzoli spazia tra i vari genere senza sbagliare un colpo,raggiungendo quell'equilibrio che fa quasi commuovere.Il brano Kepler conclude il disco e al contempo lo racchiude, in un solo pezzo. Ascoltatelo!