Sezione recensioni
recensioni17/11/2010A cura di: Alessandra Torcasso
Raising Fear
Eternal Creed
a2010_11_17_10_06_27_Raising Fear_Eternal Creed.jpg

Tracklist

  • 1. Eternal Creed
  • 2. The Chosen One
  • 3. Lords of Orion
  • 4. Sleepless Night
  • 5. Find Your Life
  • 6. You Belong to Me
  • 7. Amon Ra
  • 8. Learn to Die
  • 9. The Power of the Eye
  • 10. Born Again
  • 11. Holy Battle
  • 12. Symbols from the past

Genere

Metal

Etichetta

Crush Burn Records/ Masterpiece

Sito Ufficiale

www.raisingfear.com

Voto

7 su 10

 

Eternal Creed, è l'ultimo prodotto presentato dagli ormai veterani Raising Fear.

Dopo qualche anno di silenzio i nostrani Raising Fear tornano sulle scene con il loro terzo Full Lenght.

Nulla di sperimentale alle nostre orecchie, ma un buon classico Power Metal.

Ad aprire è l'omonima "Eternal Creed", semplice intro. E' con “Chosen One” che entriamo nel vivo di Wolfram. L'ultimo capitolo della saga. Seconda traccia, velocissima e caratterizzata da chorus perfettamente integrati.

Nulla cambia sotto il profilo ritmico nelle successive tracce “Lords of Orion“ e “Sleeples Night”. 

Un attimo più melodica la prima, più grintosa la seconda.

E' “Find Your Life” a spiccare meno, perdendo un po' di unicità rispetto al resto, ma la voce di Rob DF lo rende in ogni caso un gran pezzo.

Con “Belong to me” si tocca il lato romantico che ho apprezzato molto, assieme a “The Power of the Eye” per accompagnarci poi in un'altra lunga passeggiata con “Amon Ra” e la filo-epica “Learn to Die

Presentate poi “Born Again” “Holy Battle” che confermano quanto già ascoltato chiude “Symbols From The Past”, traccia meno veloce, ma possente e modulata egregiamente.

 

Un album decisamente fatto bene, niente di diverso dai precedenti e contraddistinto dal buon Power,  tipico di Helloween ed Edguy. 

Un buon prodotto per chi non cerca troppo, ed è affezionato, con l'intento di rimanerci, alla vecchia scuola. Forse troppo poco per chi cerca sonorità più spinte e maggiormente innovative