Sezione recensioni
recensioni14/11/2010A cura di: Daria
Le braghe corte
Le Braghe Corte - Hey hey hey
a2010_11_14_09_23_36_mescalinaitband20101027114651.jpg

Tracklist

  • 1. Edgar's suite (Part 1)
  • 2. Edgar's suite (Part 2)
  • 3. Edgar's suite (Part 3)
  • 4. Bullshit (Feat Piotta)
  • 5. Whatever it takes
  • 6. This is my town
  • 7. Speed up
  • 8. Easy way
  • 9. Voices
  • 10. Qualunque cosa farò
  • 11. Do you mind if I like it
  • 12. The mistake
  • 13. Play along

Genere

Varie

Etichetta

Maninalto! Records

Voto

8 su 10

 

Qualcuno se li ricorderà agli esordi con la loro formula di Power Ska che piaceva a molti, soprattutto nei loro live set. Qualcun altro avrà apprezzato la cover di un classico del pop americano “These Boots Are Made For Walking“ Sarà per il “tiro” micidiale del brano o per la bizzarra frequentazione con Rocco Siffredi (la porno star internazionale che fa da protagonista nel video), fatto sta che da allora c’è un bel po’ di gente che, tra passaggi su Radio e Tv nazionali, ha scoperto l’esistenza di questa big band rock con un debole per lo Swing e lo Ska.

A distanza di tre anni la band ritorna con un nuovo album.La prima cosa che si percepisce è quanto la band si sia evoluta dagli esordi (1997). Già, perché Le Braghe Corte, per gli intimi LBC, con questo disco dimostrano di volersi muovere senza preclusioni di sorta. C’è di tutto infatti in questo album: uno Swing strumentale, una voce lirica, un brano che è una suite di tre canzoni diverse (come si usava fare negli anni 70). C’è Piotta che “rappa” nel singolo (“Bullshit”). Le Braghe Corte cercano, trovano ed innestano ottimamente alcuni elementi estranei al genere, come il clavicembalo e gli archi all'inizio del brano d'apertura, o il già citato canto lirico, e più semplicemente costruiscono ritmiche varie e originali in molti casi, riuscendo quindi ad andare oltre il concetto di “brano ska-punk”.  Una cosa però è uguale al disco precedente…e non poteva essere altrimenti. Un guest come Rocco Siffredi non si poteva dimenticare.

La porno star ha dato il suo apporto anche questa volta, con ben due camei, ad inizio e a fine disco.