Sezione recensioni
recensioni26/10/2010A cura di: Daria
Tristecolorerosa
Scomparire in 11 semplici mosse
a2010_10_26_08_34_30_cd_tristecolorerosa.jpg

Tracklist

  • 1. Io e di fronte me
  • 2. Che tempo domani
  • 3. Madame Karenina
  • 4. Mio padre è un albero
  • 5. Mara cannibale
  • 6. Come le balene
  • 7. Effimera
  • 8. Gioia di cera
  • 9. Ogni maledettissima volta
  • 10. Fa così freddo che nemmeno me ne accorgo
  • 11. Maracas

Genere

Pop

Etichetta

Autoproduzione

Voto

6,5 su 10

 

I modi per scomparire sono 11 e sono molto semplici.I modi per scomparire sono le canzoni, nelle quali si dissolvono contemporaneamente musicisti e ascoltatori, persi irrimediabilmente nella dimensione onirica dell’ascolto.Una dimensione accogliente e calda come un divano rosso sul quale potersi raggomitolare, potersi riposare, sul quale poter giocare. L' album d'esordio di questo gruppo bresciano oscilla tra il pop e il rock, tra il romanticismo malinconico e la freschezza più sfacciata.Da menzionare sicuramente il digipack fatto come un portafoto in cui è possibile interscambiare delle cartoline, ognuna raffigurante un membro della band, davvero originale.Il disco, breve(solo 36 minuti) parte con una roboante“Io E Di Fronte Me” la seguono “Che Tempo Domani?” e “Mio Padre E’ Un Albero” da un'innegabile impronta cantautoriale, arrivano poi gli innesti post rock e chitarre in “Madame Karenina”.Con“Gioa Di Cera”, i toni si fanno più delicati e riflessivi e con il pianoforte malinconico di “Effimera” si raggiungono livelli di forte intensità. Chiude il disco "Maracas" con la sua chitarra elettrica che sembra ricongiungersi con la partenza con il botto di “Io E Di Fronte Me”. Un disco che si ascolta con piacere ma che nonostante alcuni picchi non riesce arrivare completamente all'ascoltatore