Sezione recensioni
recensioni23/09/2010A cura di: Alessandra Torcasso
Heresy
Advance 2005
a2010_09_23_01_04_22_Heresy_Advance2005.jpg

Tracklist

  • 1. Intro
  • 2. Last Breath
  • 3. Hate the Life
  • 4. Alone in the Dark
  • 5. Read to Kill
  • 6. My Eyes Look Over
  • 7. Heresy
  • 8. Requies Aeterna
  • 9. Alone in the Dark (Acoustic Version)

Genere

Metal

Etichetta

Alkemist Fanatix

Voto

6 su 10

All'attivo dal 2003, gli Heresy si presentano già con il loro Advance 2005.

Le influenze sono prettamente della scuola thrash, fatta eccezione da alcune tracce in cui la matrice è senz'altro power/epic.
Questo può essere un buon punto a loro vantaggio, in quanto la poliedricità in un artista è molto importante. Ciò permette di presentarsi al meglio in ogni situazione. Tuttavia un appassionato del genere Thrash, scegliendo un Cd si aspetta di sentire perlomeno un surrogato dello stesso.
Dopodiché le buone idee non mancano, i pezzi sono abbastanza buoni: l'opener è molto aggressiva e veloce tanto quanto “Last Breath”. Questo secondo pezzo  è sicuramente quello meglio riuscito del lavoro, la voce è ben calibrata e inserita all'interno dei riff, amalgamando tutto con una bella sonorità
Il tono comincia a calare con “Hate the Life”, i suoni sono abbastanza confusi, martiri di una non troppo buona produzione e sonorità ripetute.
Come anticipato prima, l'ascoltatore già da “Alone in the Dark” si troverà di fronte ad un cambiamento delle liriche rilevante: il pezzo è molto lento e privo di ritmi autentici. La stessa è rifatta in versione acustica a chiudere l'album, più apprezzabile dell'originale.
 Il ritmo prende nuovamente forza con “Read to Kill” velocissima nel suo incedere, con solo qualche attimo di respiro, per terminare con “My Eyes Look Over”, “Heresy” e “Requies Eterna”molto anonime a mio parere. Lo stile è quello prettamente melodico con accenni a melodie tipiche del power.

Un lavoro molto dubbio, quasi indefinibile. Le sensazioni percepite sono quelle di un gruppo che ancora non ha deciso e capito quali siano le loro reali capacità e volontà, trovando ancora molto confusa la scelta del territorio su cui esibirsi.

Allo stato attuale, mancano di voce e chitarra principale, forse a significare che, se l'intenzione è quella di fare della musica anche il proprio successo, devono, in primis sapere cosa vogliono, delineare l' obbiettivo, per poi lottare ed ottenerlo.

Forza ragazzi!