Sezione recensioni
recensioni21/03/2010A cura di: Alessandra Torcasso
Insanity Arise
Sinerside
aInsanity Arise_Sinerside.jpg

Tracklist

  • 1. Sinside
  • 2. Telescopic Scream
  • 3. Insomnia
  • 4. Being Human
  • 5. Storm in a Box
  • 6. Standing in a Corner
  • 7. In my Crane
  • 8. Burning my shadow
  • 9. Die
  • 10. Tower of Hate

Genere

Metal

Etichetta

Alkemist Fanatix Europe / Extreme Rising Records

Voto

7 / 10

A distanza di quattro anni, dall'ultimo progetto, gli Insanity Arise tornano con il nuovo nato “Sinerside”.
Questo gruppo veneto non è nuovo nella scena metal, in corso d'opera già dal 2004, con un demo autoprodotto e un full-lenght che di lenght ha ben poco, sono riusciti ad entrare nelle lunga lista dell'underground italiano per cui val la pena crederci.

Quest'ultimo album si discosta abbastanza dai primi due, sia per quanto riguarda l'intensità che i contenuti. Sinerside si presenta con dieci tracce in stile Death/Thrash, anche se dalle venature più scandinave che europee tipiche del thrash.

Sinerside apre il tutto con un lento benvenuto delle sei corde di Alberto, “Albo”, completate poi dalla batteria di Francesco, “Raziel, e al basso di Luca.
A seguire l'intro ecco “Telescopic Scream” veloce, a tratti scattante, dove lo scream di Daniele “Lele” colorisce in maniera quasi eccellente la traccia. Canzone meglio riuscita, in cui tutto è al proprio posto dagli assoli alla batteria. Non stupisce che vi sia in corso l'uscita del video.
Il ritmo non cala, dopo “Insomnia” anche “Being Human” è un delirio di potenza, che non lascia fiato. Pressocché della stesse portata le altre tracce: Ben strutturate e di vecchia scuola: riff granitici e sincopati.
“Burning my Shadow” ci instrada con una base strumentale in un crescendo di note sempre più cupe e avvolgenti, fino a “Tower of Hate”, che non rende la chiusura, dato dai suoi suoni un po' troppo ripetitivi e fin troppo lascivi.

Un lavoro discretamente composto, premessa ad una scena più ricca, ed in barba a chi ancora oggi non investe e, se lo fa, molto male, nell'underground Italiano.