Sezione recensioni
recensioni22/01/2010A cura di: Daria
Mario Cottarelli
Prodigiosa macchina
amario-cottarelli_prodigiosa-macchina.jpg

Tracklist

  • 1. 1-Prodigiosa macchina
  • 2. 2-il pensiero dominante
  • 3. 3-i cori della via lattea

Genere

Pop

Etichetta

New LM Records/Crotalo

Voto

6 ½

Avete presente le scatole del tempo?quelle che si seppelliscono e che a distanza d’anni si dissotterrano scoprendoci dentro oggetti degli anni passati?ecco ascoltando Prodigiosa macchina io ho pensato proprio a questo, infatti, il disco anche se pubblicato nel 2007 sembra venire dagli anni’70. Andando a scavare nella storia dell’album ho scoperto di aver ragione, infatti Cottarelli stava per pubblicare Prodigiosa macchina con l’etichetta Divergo che chiuse però nel 1980 prima di dare alle stampe l’album.
Solo tre brani, anche se il progetto è molto ambizioso; anche le durate dei brani sembrano provenire dal mondo progressive, si comincia con i venti minuti della prima traccia, per poi passare ai dodici della seconda e agli otto minuti della terza.
Pezzi composti da lunghe pause strumentali, dove Cottarelli, che canta e suona da solo, si esibisce in momenti legati al folk, in cavalcate dominate delle tastiere e in partiture complesse, unico rimpianto per la voce che non brilla per estensione vocale e precisione.
L’album si chiude con il pezzo strumentale I cori della via lattea, pezzo che mi ha convinto di più, con l’apertura che sembra ricordare le atmosfere dei Goblin ma che poi abbandona le sonorità spettrali e cupe per lasciare posto a quelle del più classico prog sinfonico.
Nel complesso un disco che suona bene per gli appassionati del genere ma che ai profani può risultare un po’ troppo impegnato.