Sezione recensioni
recensioni11/01/2010A cura di: Daria
Joss Stone
Color me free
acolour_me_free.jpg

Tracklist

  • 1. Free me
  • 2. Could have been you3Parallel Lines
  • 3. Parallel Lines
  • 4. Lady
  • 5.
  • 6. and 20
  • 7. Big ol game
  • 8. Governmentalist
  • 9. Incredible
  • 10. You got the love
  • 11. I belive it to my soul
  • 12. Stalemate
  • 13. Girlfriend on demand

Genere

Pop

Etichetta

Virgin

Voto

8 1/2

È uscito il 30 Ottobre Color me free quarto album della cantante inglese Joss Stone.
Se devo essere totalmente sincera fino ad ora Joss non mi aveva convinto molto ma dopo aver ascoltato questo disco mi devo ricredere.
Pezzi decisamente convincenti in questo album che potrebbe essere tranquillamente defnito Juke box visto che è un eclettico mix di pop, soul r’n’b, funk, hip pop e gospel: Incredible è un puro pezzo funk mentre Mee free è un brano pop contaminato dall’effetto del coro, Could have been you ha cadenze urban e You got the love ha fortissime sonorità gospel.
Per questo lavoro che la Stone ha autoprodotto, ha chiamato a sé molti amici: Jeff Beck e Sheila E. compaiono in Parrallel lines, in Big Ol Game suonano Raphael Saading, Governamentalist è realizzata con Nas, I belive it to my soul, bellissima cover di Ray Charles, insieme a Dave Sanborn e Jamie Hartman in Stalemate.
La atmosfere in questo disco cambiano velocemente si arriva anche a quelle del fumoso night di Las Vegas in 4 and 20, ma una cosa che accomuna le 12 tracce è l’amore, non troppo nascosto, verso l’ultima Tina Turner che la Stone sembra voler rievocare anche con gli arrangiamenti anni ’80.
Un disco ricco di sfumature quindi e questo a mio parere lo rende un progetto di grande spessore.