Sezione recensioni
recensioni13/11/2009A cura di: Alessandra Torcasso
Deaflock
Reality of False Pasts
aDeaflock_Reality_of_false_pasts.jpg

Tracklist

  • 1. Disappear
  • 2. Shock
  • 3. Metal
  • 4. Machine
  • 5. Survival
  • 6. Reborn
  • 7. Sinner
  • 8. Black Fog

Genere

Metal

Etichetta

Kjms Records / Alkemist Fanatix Europe

Voto

6,5 / 10

Pur avendo una passione spropositata per il lontano oriente, vi assicuro che non sono di parte. Scopiazzature a parte, non si può dire che il quartetto nipponico non abbia talento.
Reality of False Pasts”, è l’album di debutto dei Deaflock.

Otto tracce di Old-Thrash Metal. Tutto l’album possiede una carica esplosiva degna del genere.

Si apre con “Disapper”, traccia di benvenuto, di vecchio thrash.
A continuare “Shock”, che non sa di niente. Probabilmente si voleva proporrre un qualcosa di diverso, ma non è riuscita un granch’è. A spaccare il collo ci pensano tracce come “Survival” e "Reborn". Le altre vanno solo a peggiorare la situazione ossea di chi ha modo di ascoltare cos’hanno da proporre.
Come capita quasi a tutti i “novellini” l’acustica ogni tanto precipita, rendendo però il lavoro, a parer mio maggiormente sano e non ritoccato, da qualsivoglia modalità tecnologica.
L’originalità non presenzia molto, in questo lavoro. Purtroppo si è soliti pensare che è più facile sfondare, termine tra l’altro un po’ azzardato, dando in pasto al pubblico lavori tendenzialmente simili ai Grandi. Ma non è così: altrimenti la musica non si evolverebbe mai. Mi terrei i miei classici e risparmierei anche un po’ di soldini. Tutto ciò per dire che, visto e considerato che il Giappone a volte va più veloce di noi, mi sarei aspettata un lavoro più sperimentale, più particolare.

Nel complesso, lavoro estremamente bello per i Deaflock, che non sono certo da snobbare al pari di altri underground-er.
Però, qua, non ci si preclude nulla, siamo solo al primo album e la carica non manca, spero non manchi neanche la fantasia per una copertina più fantasiosa.