Sezione recensioni
recensioni11/11/2009A cura di: Daria
KLIMT
MARTE MORTO
a00011791.jpg

Tracklist

  • 1. Missile
  • 2. How real
  • 3. L’ora di andare
  • 4. Personal laudry

Genere

Pop

Etichetta

autoprodotto

Voto

7,5


E’ uscito il 4 Ottobre il secondo lavoro dei Klimt duo rock acustico di Milano.

Marte è morto è un Ep di quattro tracce perfettamente equilibrato: due tracce in italiano e due in inglese.

Un quarto d’ora di rock ben arrangiato, diretto, pulito.

Questo non impedisce ai Klimt di fare delle variazioni sul tema: si parte con Missile un pezzo dal sapore anni ’50, per poi passare alla disillusa How real? dove la voce di Andrea ricorda vagamente quella di Anthony Kiedis( Red hot chili peppers), si arriva poi alla ballata L’ora di andare il pezzo che preferisco e, all’intima atmosfera di Personal laudry brano che conclude il mini album.

I testi parlano della quotidianità: i dubbi, i ripensamenti di quando non si riesce più a far finta di non sapere le cose e, anche un po’ d’amore.

Nel complesso un buon lavoro orecchiabile e colorato.