Sezione recensioni
recensioni21/09/2009A cura di: Alessandra Torcasso
Revocation
Existence Is Futile
aRevocation_Existence_is_Futile.jpg

Tracklist

  • 1. Enter The Hall
  • 2. Pestilence Reigns
  • 3. Deathonomics
  • 4. Existence Is Futile
  • 5. The Brain Scramblers
  • 6. Across Forests and Fjord
  • 7. ReaniManiac
  • 8. Dismantle The Dictator
  • 9. Anthem Of The Betrayed
  • 10. Leviathan Awaits
  • 11. The Tragedy Of Modern Ages

Genere

Metal

Etichetta

Relapse Records / Masterpiece Distribution

Voto

7,5 / 10

Arriva l'attesissimo album dei Revocation. Di provenienza Bostoniana, i Revocation, sono uno degli ultimi gruppi più discussi in ambito estremo.

A dimostrare tutto ciò è “Existence Is Futile”, un potentissimo lavoro, composto da 11 tracce, assolutamente poco monotone, ma molto portentose.
Apre con “Enter The Hall”, due minuti di benvenuto tutto death, terminando con “Tragedy Of Modern Ages”: girando tutto, in maniera decisamente fluente. Ogni traccia è ben alternata da ritmica pressante e presente, a voce cupa e potente.
E' infatti, e con mio più grande sgomento e felicità promuovere questo acutissimo full lenght. Ne sono la prova le due tracce che in assoluto mi hanno esaltato, rispetto all'intero progetto: “Dismantle The Dictator”, diabolicamente melodica e folleggiata; “Anthem of The Betrayed” dove la batteria di Phil Dubois, non è nient'altro che benzina sul fuoco.

Il tutto presentato con una copertina del tutto rabbiosa e piena di grinta.

Un album, che consiglierei molto volentieri, e che sicuramente non deluderà gli amanti del genere. Anzi, viceversa.